Croazia in primavera

La Croazia è la meta ideale per una vacanza primaverile con la famiglia. Ricca di storia, natura, cultura, luoghi di grande suggestione e acque meravigliosamente cristalline, offre indubbiamente a chi decide di visitarla svaghi ed intrattenimenti di vario genere.

I paesaggi mozzafiato della Croazia sono tanti e decidere di trascorrere una vacanza in primavera in questa splendida regione può davvero far vivere momenti indimenticabili, in attesa dell’arrivo dell’estate.

Per chi ama camminare e andare alla ricerca di incantevoli escursioni c’è l’imbarazzo della scelta nel periodo primaverile in Croazia. I tanti turisti che visitano la regione in questo periodo spesso decidono di godersi, immersi nella natura, le visite ai principali Parchi Nazionali, come quello del Monte Risnjak o quello dei Laghi di Plitvice.

Quest’ultimo è considerato patrimonio dell’UNESCO ed è infatti famoso in tutto il mondo per il suo incredibile sistema di ben sedici laghi tutti collegati tra loro da cascate ed alimentati sorgenti sotterranee e da due fiumi nazionali. Visitare il Parco in primavera, tra l’altro, è proprio il miglior periodo dell’anno, in quanto i due fiumi sono ricchi d’acqua e danno vita al meglio allo spettacolo delle cascate.
Altrettanto incantevole è il Parco di Krka, un vero e proprio susseguirsi di bellezze naturali, reso famoso dalle sue “sette cascate”. Altro Parco Nazionale di rara bellezza è quello di Mljet, poco distante dalla meravigliosa città di Dubrovnik, contenente i due laghi salati di Malo e Veliko Jezero e l’isolotto di Santa Maria, su cui eleva un affascinante monastero.

In Croazia anche gli eventi tradizionali sono di grande interesse in questo periodo dell’anno. Visitando la Croazia in primavera, infatti, si può avere l’occasione di partecipare alla processione notturna “za križen” sull’isola di Hvar, una vera e propria tradizione del luogo. La manifestazione, davvero caratteristica, viene celebrata da quasi cinquecento anni, ed è stata inclusa nell’elenco dei Beni Culturali Immateriali dell’UNESCO. Si svolge la notte tra il Giovedì ed il Venerdì Santo, lungo un percorso di circa 25km e che attraversa ben sei paesi dell’isola!

Anche i monumenti della Croazia hanno un fascino particolare. La città di Dubrovnik è di certo considerata la principale attrazione nazionale, con la sua città vecchia chiusa nelle incantevoli mura che la circondano, con la famosa Torre Minceta e la Fortezza di San Giovanni, che solitamente fa vivere a chi la visita, una sorta di viaggio nel tempo.

Imperdibile, presso la città di Zadar (o Zara), sono l’Organo Marino ed il Saluto al Sole. Il primo lascia a bocca aperta i tanti visitatori della città, in quanto si tratta di un organo vero e proprio costruito come una scala a gradoni che scende nel mare, consentendo al moto ondoso dell’acqua di far emettere dallo stesso dei suoni continui, con una melodia sempre diversa! Il cosiddetto Saluto al Sole, invece, è una specie di Stonehenge moderna, formata da ben trecento lastre di vetro componenti un cerchio ed inserite nella pavimentazione dove, al di sotto, sono installati dei pannelli fotovoltaici che permettono all’alba e al tramonto di dare vita ad uno strabiliante gioco di luci.

Altro monumento di sicuro interesse nazionale è il Palazzo Diocleziano di Spalato.

Su un’isola poco distante da Spalato sorge un’altra splendida città, ricca di monumenti e di luoghi d’interesse, Trogir. La storia dei suoi monumenti ha fatto sì che alla città venisse attribuito il titolo di città romantico-gotica meglio conservata in tutta l’Europa Centrale!

Ma nella stagione primaverile la Croazia offre ancora tante destinazioni e attrazioni particolari, da poter vivere con tutta la famiglia. Gli ambienti che spaziano incredibilmente dal mare alle montagne, la fiorente vegetazione e i caratteristici luoghi incantati ricchi di fascino e storia, fanno della Croazia la meta ideale per la vostra vacanza in primavera.

Cosa aspetti allora a far diventare questo meraviglioso sogno primaverile realtà? Organizza la vacanza per tutta la famiglia partendo da Ancona con i traghetti SNAV e preparati a vivere una spettacolare e indimenticabile primavera. Visita il sito www.snav.it, scegli la tua destinazione e prenota il tuo viaggio in Croazia!

Procida: Abbazia di San Michele

Raggiungendo l’isola di Procida salta agli occhi la cosiddetta “Terra Murata”, unico promontorio di un’isola completamente pianeggiante, sulla cui cima spicca imponente ed a picco sul mare l’Abbazia di San Michele Arcangelo.

L’abbazia, risalente alla seconda metà dell’XI secolo, fu costruita nel borgo della Terra Murata, in quanto unico nucleo abitativo dell’isola dopo le invasioni barbariche e saracene, ed è intitolata a San Michele Arcangelo patrono dell’isola.

La spettacolare struttura, costruita dai benedettini a circa 90 metri di altezza sul mare, oggi rappresenta un importante luogo di culto e visite da parte dei tanti turisti che approdano sull’isola. Essa è posta su due livelli: quello superiore ospita la chiesa, mentre il piano inferiore comprende l’intero complesso abbaziale (suddiviso a sua volta su altri 3 livelli).

L’Abbazia di San Michele Arcangelo è tra le chiese più prestigiose e ricche del meridione d’Italia e custodisce un grande patrimonio di arte e storia. All’interno di quest’ultima, infatti, oltre la chiesa, oggetto di migliaia di visite all’anno, è possibile visitare altri importanti luoghi d’interesse, come il Presepe permanente, composto da antichi pastori in legno e terracotta risalenti alla scuola napoletana del XVIII secolo, o l’antica Biblioteca dove è possibile trovare testi risalenti al XVI secolo.

I numerosi turisti che visitano l’Abbazia di San Michele Arcangelo restano stupiti e affascinati dai tesori nascosti all’interno di questo straordinario monumento.

Per visitare l’Abbazia e scoprire le tante ricchezze che essa offre, raggiungi velocemente Procida con gli aliscafi SNAV, che offre il collegamento marittimo da Napoli e dalle altre isole del golfo, garantendo comfort e professionalità. Prenota subito il tuo viaggio con SNAV e scegli i nostri aliscafi per procida!

Il Villaggio di Babbo Natale

Santa Claus village 2016 Napoli

“Santa Claus is coming to town…” così recita il verso di una nota canzone e dal 26 novembre il beniamino di tutti i bambini arriverà a Napoli con il Santa Claus Edenlandia Village. Il villaggio di Babbo Natale costuirà un’attrazione non solo per i più piccini, ma anche per chi è amante delle classiche e gioiose atmosfere natalizie.

Il villaggio di Babbo offre ai visitatori numerose attrazioni, dalle aree dove si tengono gli spettacoli, alla baby dance, dalla stanza dei racconti alla pista di pattinaggio e così via. Non mancano ambientazioni che rendono il villaggio di Babbo Natale una vera e propria cittadina. Tra queste ultime troviamo l’ufficio postale dove arrivano le letterine dei bambini di tutto il mondo. Qui ogni bambino potrà spedire la propria letterina dopo averla timbrata con l’aiuto degli Elfi.

All’interno del Santa Claus Village è presente anche una banca, in quanto la valuta corrente è il Babbino, la moneta speciale che darà accesso alle diverse attività. Inoltre, prima di inziare il proprio giro all’interno del villaggio, non bisogna dimenticare di richiedere il passaporto presso l’Ufficio Passaporti.

Tra gli altri luoghi che meritano sicuramente una visita c’è la PharmaClaus. Qui i bambini possono conoscere le piante medicinali, officinali, aromatiche e profumatissime spezie, nonché apprendere i segreti delle pozioni e degli unguenti preparati dagli Elfi. In più si potranno visitare anche le case degli Elfi e ascoltare da loro tantissime storie.

Per tutti i bambini che invece vogliono esplorare gli ambienti dove vive Babbo Natale è presente la camera di Santa Claus, il Grande Archivio dove sono presenti gli elenchi dei buoni e dei cattivi e la sala del trono dove incontrare Babbo Natale.

Per i visitatori che invece desiderano passare all’azione ci sono diverse attività che si possono intraprendere presso la Fabbrica di Santa Claus, dove oltre a un itinerario nel mondo dei giochi, i bambini sono coinvolti nella costruzione dei giocattoli. Alla Scuola di Guida Artica, si potrà imparare a guidare la slitta e conseguire la patentea fine corso. Presso la cucina di Mrs Claus si terrà un vero e proprio labortorio per chi vuole cimentarsi della preparazione di biscotti e dolci.

Sarà presente anche un’area per gli espositori, artigiani e hobbysti che potranno fare mostra della propria creatività esponendo i propri prodotti, dando vita a un vero e proprio mercatino di Natale, dove sarà possibile trovare presepi, ideee regalo, decorazioni e molto altro ancora. Prima di uscire dal Villaggio di Santa Claus non dimetacate di lanciare una monetina nella Fontana dei Desideri e potrebbe accadere qualcosa di magico.

Il Santa Claus Village sarà aperto dal 26 novembre al 26 dicembre 2016. Il costo del biglietto è di 11 euro a persona. I bambini sotto il metro di altezza e gli over 65 entrano gratis. Sono previste anche tariffe per gruppi e scuole. Visitare il Santa Claus Village costituira un modo simpatico, sia per gli adulti che per i più piccoli, di scoprire tantissime cose divertenti e vivere pienamente l’atmosfera natalizia.

Alla scoperta di Tangeri

Tangeri è una delle città più importanti del Marocco che affonda le proprie radici in un passato lontano. Una storia che comincia con la dominazione fenicia e continua nel corso dei secoli a stupire e affascinare. La città di Tangeri è un luogo dove mistero, cultura e arte creano un mix di fattori che rendono questa località del Marocco Settentrionale una meta irresistibile per molti viaggiatori. Città di mare con una forte vocazione per il commercio e il turismo, il porto di Tangeri è il primo del paese e si trova proprio di fronte lo stretto di Gibilterra.

Tangeri, quindi sorge proprio dove il mar Mediterraneo si incontra con l’oceano Atlantico, al centro di un crocevia che ha permesso a diversi popoli di entrare in contatto tra loro. La città porta il segno delle diverse dominazioni. I primi a lasciare un segno della loro presenza furono per l’appunto i Fenici, a cui fece seguito la dominazione dei cartaginese. In seguito Tangeri fu anche città sotto il controllo dei romani e degli arabi. La città è stata anche sotto l’amministrazione internazionale dalla seconda metà del XIX secolo.

Nella Medina di Tangeri si trova il palazzo del sultano che risale al Seicento ed è oggi sede di un importante museo. Altri luoghi fulcro della città sono la Grande Moschea, il mercato, la Place de France, dove sono presenti  gli hotel più lussuosi e i locali più esclusivi. Diverse sono le attrazioni della città destinate ai turisti. Sicuramente tra i luoghi principali che attirano diversi turisti ci sono le spiagge, la maggior parte delle quali sono dotate di strutture, quali cabine, bar e offrono la possibilità di affittare lettini e sdraio. Molto suggestive sono anche le località balneari e le spiagge presenti nei dintorni.

Durante la giornata è possibile prendere parte a diversi tipi di escursioni come giri in barca, gite in cammello e così via. Di sera non è consigliabile girare da soli senza una guida, in particolar modo in determinati quartieri della città. I suk, invece sono il punto di riferimento per chi desidera acquistare mobili, oggetti decorativi, abiti e articoli in pelle. Ovviamente con i commercianti conviene contrattare, perché alcuni oggetti possono essere in vendita a un prezzo maggiorato.

Per visitare Tangeri e le sue meraviglie sul sito www.snav.it potrai prenotare il tuo viaggio verso questa affascinante città. Potrai scegliere tra le tratte Sète-Tangeri, Barcellona-Tangeri o acquistate il tuo biglietto per la nave Genova-Tangeri. Prenota il tuo biglietto e parti per scoprire i misteri di Tangeri.

 

Ventotene: cosa vedere

Trascorrendo le vacanze a Ventotene sono tanti i luoghi da visitare, posti che potranno consentire ai turisti di scoprire molto sull’isola e su ciò che ha da offrire.

Ventotene, in primo luogo, è famosa per il birdwatching: infatti, nel corso dell’anno ospita turisti interessati ad avvistare le specie che transitano sull’isola in seguito alle migrazioni degli uccelli. Sull’isola è presente anche il Museo della Migrazione e Osservatorio Ornitologico Italiano. Il museo vanta un primato italiano in quanto è stato il primo ente preposto allo studio e alla conservazione dei dati relativi ai flussi migratori e allo studio dell’avifauna, ed è uno dei pochi centri europei impegnati nell’approfondimento delle dinamiche che caratterizzano il processo di migrazione. Il museo si trova all’interno di un edificio chiamato Il Semaforo, che risale al periodo della II Guerra Mondiale, oggi completamente ristrutturato e adattato alla nuova destinazione d’uso. All’interno del museo sono presenti numerosi modelli a grandezza naturale e video pannelli interattivi ricchi di informazioni interessanti. Inoltre, gli amanti della natura potranno partecipare a escursioni guidate alla scoperta non solo della fauna, ma anche della flora dell’isola.

Ventotene è anche un luogo dove la storia ha lasciato il segno: non può dunque mancare una visita alla Peschiera Romana, oppure ai resti di quella che era la sontuosa Villa Giulia, costruita per volontà di Ottaviano Augusto come luogo di vacanza; diventò poi luogo di confino per le donne della famiglia imperiale. Infine, sull’isola è presente anche un Museo Archeologico all’interno del Forte Borbonico, attuale sede del Comune.

Durante il soggiorno a Ventotene è consigliabile effettuare anche una visita al Carcere Borbonico, presente sulla vicina isola di Santo Stefano. Qui furono confinati, nel corso del tempo, tantissimi uomini illustri, tra cui Sandro Pertini, che vi fu rinchiuso per essersi opposto al regime fascista. Il carcere ha una storia molto interessante che dall’epoca borbonica arriva fino al 1965, anno della sua chiusura.

Per arrivare sull’isola di Ventotene con partenza da Napoli affidati a Snav. Con i nostri aliscafi per Ventotene, la tua vacanza comincia all’insegna della comodità. Acquista il tuo biglietto online!

Spalato e i locali notturni

 

Spalato è una città dalle mille facce, con un’offerta turistica molto ampia che spazia dalle attrazioni storico-artistiche, alle spiagge, ma anche alla presenza di numerosi locali dove trascorrere serate all’insegna del divertimento.

Tra i locali più famosi, situati sul lungomare nei pressi del Palazzo di Diocleziano, troviamo il cocktail bar ST-Riva. Il locale è dotato di tavoli e sedie sulla riva, ma anche di un terrazzo esterno da cui si può godere un panorama sui dintorni. Al St-Riva si possono ordinare ottimi cocktail, partecipare a serate ed eventi e divertirsi in un ambiente accogliente.

Situato più all’interno è il Gaga. Non è un locale molto grande, tuttavia ciò non ha impedito di conquistarsi un’ottima fama sia fra gli spalatini che i turisti. Ottima musica, atmosfera unica e una selezione di cocktail e birre molto curata, fanno di questo locale un punto di riferimento per la vita notturna di Spalato.

Per chi ama le atmosfere underground Accademia Ghetto Club è il posto giusto, per passare la serata in allegria, ascoltando musica live e sorseggiando ottimi drink. A poca distanza c’è il Fluid un locale dalle dimensioni ridotte, ma che offre una buona accoglienza e una selezione di birre locali, il tutto accompagnato da proposte musicali interessanti.

Se al classico bar preferisci un wine-bar dove approfondire la conoscenza degli ottimi vini croati, ci sono diversi locali dove è piacevole trascorrere il tempo. Tra questi possiamo ricordare il Luxor, situato in una posizione privilegiata. Questo locale si trova nel centro città nei pressi del Peristilio. Qui si può assaporare l’ottimo vino croato e assistere alle performance delle migliori giovani band di Spalato. Altro locale dove gustare ottimo vino a poche decine di metri dal Palazzo di Diocleziano è il Paradox Wine & Cheese Bar. Qui si può scegliere tra un’ampia gamma di vini della Dalmazia e Croazia. Sono più di 100 le etichette offerte tra cui 50 sono servite al bicchiere.

Se l’obiettivo è quello scatenarsi in discoteca allora l’Hemingway e il Vanilla Club sono i locali giusti da frequentare. L’Hemingway bar offre una vista sulla parte settentrionale della penisola di Marjan. È un’altra delle mete più frequentate di Spalato. I cocktail proposti sono elaborati da alcuni dei migliori barman croati. In più durante la stagione estiva si svolgono serate che vedono protagonisti artisti e dj di fama internazionale.

Il Vanilla Club si trova nei pressi dello stadio di Poljud a pochi minuti dal centro della città. Il Vanilla Club offre serate con musica live e ospita band locali. Inoltre, mette a disposizione un’ampia terrazza dove godersi uno degli ottimi cocktail presenti nel menu.

Sono tantissimi i locali notturni presenti a Spalato e durante le tue vacanze nella bella città dalmata potrai scoprirli tutti! Prenota subito il tuo biglietto traghetti Ancona-Spalato di Snav e viaggia a bordo dei nostri Cruise Ferry.

Alla scoperta della Riserva Montagne delle Felci e dei Porri di Salina

Abbiamo spesso parlato delle bellezze naturali delle isole Eolie e in particolare di quelle presenti sull’isola di Salina. In questo nuovo articolo andiamo alla scoperta della Riserva Naturale Regionale Orientata Le Montagne delle Felci e dei Porri. Quest’ultima riguarda un’area di 1.079 ettari nell’arcipelago delle Eolie e comprende i comuni di Leni, Malfa e Santa Marina Salina.

L’area è stata istituita per proteggere il paesaggio e per continuare a offrire alle numerose specie avicole un habitat ideale per la nidificazione. L’isola di Salina non è solo la più verde delle isole Eolie, ma anche quella più ricca di uccelli nidificanti. L’avifauna presente si caratterizza per la presenza di uccelli rapaci, tra i quali spiccano il falco pellegrino, il falco della Regina e la poiana. Inoltre, la presenza del laghetto di Lingua permette la sosta di molti uccelli acquatici migratori, i quali non possono sostare nelle altre isole. Tutti questi fattori rendono l’isola di Salina la meta ideale per gli appassionati di birdwatching.

Salina vanta un ulteriore primato, infatti, è stata la prima isola dell’arcipelago a essere tutelata proprio mediante l’istituzione della Riserva. La conformazione dell’isola è molto particolare, dato che la valle la divide in due gruppi di rilievi, che da lontano appaiono come due isole distinte. Nel settore sud-orientale è presente il cratere del Monte Fossa delle Felci, che rappresenta il punto più alto dell’arcipelago. Nel settore occidentale, invece troviamo il Monte dei Porri.

Come abbiamo accennato Salina presenta anche una flora molto varia e ricca, visto che sono molteplici le essenze vegetali che trovano nella terra e nel clima di quest’isola le condizioni ideali per prosperare. Nelle zone costiere la vegetazione presenta cespugli di Euphorbia dendroides, Calicotome villosa e Artemisia arborescens. Se, invece, osserviamo le pendici dei coni vulcanici, qui sono diffuse formazioni arbustive caratteristiche della macchia mediterranea. Qui crescono erica, corbezzolo, cisti, ginestre, lentisco e caprifoglio.

Sul versante est del Monte delle Felci la macchia caratterizzata da erica e corbezzolo assume l’aspetto di un fitto bosco. Sulla sommità, invece, negli anni Cinquanta è stato impiantato un bosco di pini marittimi, ontani napoletani e castagni. Il cratere, durante il periodo primaverile, si ricopre di un tappeto di felci, dal quale prende, per l’appunto il nome di “Fossa delle Felci”.

Se si è amanti del trekking si possono percorrere i 13 sentieri che portano alla sommità dei vulcani. Ogni itinerario darà la possibilità di scoprire gli angoli e i  panorami più belli di Salina. Per goderti le bellezze naturali, trascorri le tue vacanza su questa meravigliosa isola dell’arcipelago eoliano. Prenota il tuo titolo di viaggio su Snav e scopri i nostri aliscafi per Salina.

Ponza: ecco dove alloggiare

Ponza è un’isola affascinante, che ha molto da offrire ai turisti in termini di paesaggio, mare, servizi e gastronomia. Per trascorrere serenamente le proprie vacanze si possono scegliere tra diverse sistemazioni, in base alle proprie esigenze. In particolare, se si desidera soggiornare sull’isola bisogna tener presente che in diverse zone sono presenti delle scalinate, anche abbastanza lunghe, per cui si consiglia di informarsi se il proprio albergo offra un sevizio di navetta o se la soluzione scelta per il soggiorno sia ubicata nelle vicinanze delle fermate dei mezzi di trasporto pubblico.

Per quanto riguarda l’offerta dell’isola sono presenti diverse tipologie di sistemazioni: dagli alberghi fino ad appartamenti e case di pescatori, oppure per chi è alla ricerca di una dimora di charme non mancano ville panoramica. In poche parole Ponza, può offrire a ogni turista la tipologia di vacanza desiderata.

Alberghi

Sull’isola di Ponza sono presenti alberghi che offrono ospitalità anche 3 e 4 stelle. Molte di queste strutture presentano camere panoramiche, così da offrire ai propri ospiti la bellezza del paesaggio dell’isola. Alcuni di questi alberghi sono situati in contesti unici, come l’Hotel Chiaia Luna che si trova inserito in un anfiteatro naturale a picco sulla splendida e omonima baia. In località, Le Forna, invece sono presenti l’Hotel Ortensia, e l’Hotel Villaggio dei Pescatori, che si trovano nei pressi di Cala Feola e delle Piscine Naturali. Per chi invece vuole soggiornare nei pressi del porto ci sono diversi alberghi 2 e 3 stelle, tra cui l’Hotel Gennarino a Mare, l’Albergo Le Querce e l’Hotel Bellavista. Molte strutture ricettive mettono a disposizione anche il ristorante, che offre le specialità tipiche locali e una cucina mediterranea.

Bed and Breakfast e Affittacamere

Per chi preferisce delle formule di ospitalità senza troppi vincoli, troverà sicuramente più agevole prenotare in bed and breakfast oppure rivolgersi a degli affittacamere. Tra gli affittacamere autorizzati troviamo Villa Ersilia, Villa Acacia, Il Capriccio e Baia Luna. Se si desidera soggiornare in un bed and breakfast ci sono circa 13 strutture che offrono questo tipo di servizio. Così come per gli alberghi anche i B&B sono collocati un po’ per tutta l’isola. In particolare, troviamo B&B nei pressi del centro cittadino e del porto come Villa Laetitia o Casa Carmela. Anche nei pressi dei più importanti luoghi di attrazione troviamo diverse strutture, per esempio nei pressi di Chiaia Luna abbiamo diversi B&B come La Corte di Ponza, Luna Ponzese e Baia Luna.

Case Private

Per chi invece desidera trascorrere le vacanze in un contesto totalmente autonomo, allora le case private o gli appartamenti nel centro storico di Ponza costituiscono la soluzione ideale. Anche in questo caso è possibile scegliere tra diverse soluzioni: dal semplice monolocale fino alle ville più esclusive con vista panoramica.

Se stai progettando le tue vacanze a Ponza, arriva sull’esclusiva isola delle Pontine a bordo degli aliscafi Snav. Prenota subito online il tuo titolo di viaggio e parti con i nostri aliscafi per Ponza.

Cosa fare a Panarea

Che cosa rende l’isola di Panarea una meta ideale per le vacanze? Anche se l’isola è piccola di certo sarà impossibile annoiarsi, in quanto ci sono tante cose da vedere e da fare. Sull’isola di Panarea sono presenti tre centri principali: Drauto, Ditella e San Pietro, quest’ultimo costituisce l’approdo principale. Ognuno di questi centri ha delle particolarità tutte da scoprire.

Molti non sanno che l’isola di Panarea è stata abitata fin dai tempi più remoti. Scavi archeologici hanno riportato alla luce un villaggio risalente al XIV secolo a.C., mentre nel corso del tempo si sono avvicendati diverse dominazioni che hanno contribuito a caratterizzare ulteriormente l’isola. Tra i monumenti e siti da visitare annoveriamo la chiesetta di San Pietro, la chiesa dell’Assunta e, naturalmente, il Villaggio Preistorico di Capo Milazzese.

Pur contando poche centinaia di abitanti durante l’inverno, ogni estate Panarea accoglie tantissime persone, tra cui anche molti vip. L’isola, infatti, è rinomata per il mare, le spiagge e anche per i diversi divertimenti offerti. Qualunque sia lo scopo della propria vacanza, tra le cose da fare c’è sicuramente una visita al centro di Panarea, contraddistinto da un pittoresco intrecciarsi di vicoletti, in cui ci si potrà avventurare per scoprire angoli nascosti e suggestivi.

Per le proprie giornate al mare è possibile scegliere le spiagge o le scogliere, queste ultime ideali per chi non ama la sabbia o i ciottoli. Le spiagge di Panarea sono situate quasi tutte sule versante orientale. Dall’altra parte dell’isola si può accedere a delle cale via mare, e fare il bagno presso delle insenature.

Panarea è anche sinonimo di movida notturna, infatti, d’estate è possibile godersi l’aperitivo in uno dei bar dell’isola, oppure gustare la buona cucina locale presso dei ristorantini tipici. La serata prosegue nei locali notturni oppure presso le discoteche in spiaggia. Il centro della vita notturna a Panarea è il Raya uno dei locali più esclusivi dell’isola, dove ci si può divertire fino all’alba e magari incontrare qualche personaggio famoso.

Hai voglia di un’estate fatta di divertimento, relax e di nuove scoperte? Panarea è il posto giusto per te! Prenota subito il tuo titolo di viaggio con Snav e parti a bordo dei nostri aliscafi per Panarea.

Ventotene: itinerari nella natura

L’isola di Ventotene è sicuramente un paradiso per chi desidera vivere una vacanza all’insegna della natura. Sono diversi, infatti, i percorsi naturalistici che si possono affrontare per guardare l’isola da un’angolazione diversa. Oggi ne proponiamo uno che attraversa parte delle attrazioni naturalistiche dell’isola.

Partendo dal centro polisportivo ai Cameroni, si può arrivare al promontorio che si erge al di sopra dell’insenatura di Parata Grande. Se si è appassionati di ornitologia, qui si possono osservare gli uccelli che abitano nei pressi dell’ambiente marino. Tra le specie presenti in questa zona troviamo gabbiani, colombacci e berte. Percorrendo poi una scala di cemento si scende verso una spiaggia di sassi sulla quasi depositano posidonie e alghe. Inoltre, nelle pozze di marea si possono osservare molluschi, crostacei e altre specie, tra le più comuni annoveriamo coralli, stelle di mare e ricci.

Risalendo, un’altra sosta obbligata sempre per gli appassionati di birdwatching è il Museo Ornitologico, ubicato all’interno di un edificio chiamato il Semaforo. Quest’ultimo è una costruzione militare e, nello specifico, è una postazione antiaerea che risale alla Seconda Guerra Mondiale. Durante il percorso che porta al museo è possibile osservare le molteplici essenze vegetali che costituiscono la flora dell’isola di Ventotene: dalla borragine alla violaciocca selvatica, dal limonio al finocchio marino fino a una specie rara quale il narciso tazzetta.

Il Semaforo è un punto di osservazione privilegiato, in quanto la vista spazia da una parte all’altra della costa. Questo è il regno di gabbiani e gheppi che si esibiscono nei loro volteggi e planate. Inoltre, trovandosi sulle rotte percorse dagli uccelli migratori, l’isola di Ventotene si dimostra la meta ideale se si desidera osservare gli stormi di passaggio che tornano durante la bella stagione.

La fauna avicola non è l’unica che merita di essere osservata, infatti, se si percorre questo itinerario si possono ammirare anche i delfini tursiopi che si esibiscono in salti e piroette. Generalmente, questi ultimi, si possono avvistare dalla strada che costeggia il Moggio di Terra. La fauna ittica è particolarmente ricca e si avvistano anche piccoli cetacei, capidogli e tartarughe marine comuni.

Ritornando al nostro itinerario, prendendo via Ulivi e percorrendola fino alla strada asfaltata, poi con una deviazione in un viottolo situato sulla destra è possibile raggiungere Punta dell’Arco, che rappresenta il punto più alto dell’isola. Da qui oltre a osservare gli stormi di uccelli migratori, durante alcuni mesi specifici dell’anno, si può godere di un panorama unico.

Scendendo verso il centro ci sono altre postazioni panoramiche, da cui si potranno scattare foto meravigliose! Se per le tue vacanze stai pensando all’isola di Ventotene, scegli Snav per il tuo viaggio! Dal 02 luglio 2016, potrai arrivare sull’isola pontina con una piacevole trasferta.  Visita il sito www.snav.it per maggiori informazioni.