Capri in un giorno: cosa fare e cosa vedere

Capri in un giorno: cosa fare e cosa vedere

L’affascinante isola di Capri ha sempre ispirato poeti, artisti e musicisti. Ancora oggi con le sue bellezze paesaggistiche e la sua storia attira numerosi turisti provenienti da ogni parte del mondo.

Se si ha un solo giorno per visitare quest’autentica perla del Golfo di Napoli ci sono diversi itinerari che si possono percorrere. Ecco alcuni consigli per voi!

Il primo percorso, “Su&giù per l’Isola”, prevede l’arrivo a Marina Grande, dopodiché si può procedere con il giro dell’isola in motoscafo con tappa nella celeberrima Grotta Azzurra. Una volta ritornati a Marina Grande si può prendere l’autobus per dirigersi verso Anacapri. Scendendo a Piazza Vittoria si può prendere la seggiovia che conduce sul Monte Solaro. Dopo aver ammirato lo splendido panorama che si può godere dal punto più alto dell’isola, si può scendere a piedi e fermarsi all’eremo di Cetrella.

A questo punto si può procedere con la visita a Villa San Michele. Questa dimora è stata costruita per volontà del medico e scrittore Axel Munthe e si caratterizza per la collezione di reperti appartenenti all’epoca romana e per il meraviglioso giardino che raccoglie piante caratteristiche della flora mediterranea. Dalla terrazza di Villa San Michele si può ammirare un panorama unico.

Un’altra tappa obbligatoria è rappresentata dalla mitica Piazzetta di Capri, dove è possibile fermarsi per una sosta piacevole. Dalla Piazzetta si può percorrere via Camerelle, la via dello shopping caprese, per poi proseguire su via Targara, attraverso la quale si arriva al belvedere da cui si possono ammirare i Faraglioni.

Se invece si vuole visitare Capri per le bellezze artistiche, è possibile creare il proprio itinerario in base alle numerose ville e musei presenti sull’isola. Vediamo nel dettaglio come dare vita all’itinerario “I tesori artistici di Capri”. In questo caso si potrebbe iniziare la propria visita partendo da Villa San Michele, per poi tornare di nuovo verso Piazza Vittoria, e con una piacevole passeggiata arrivare alla Casa Rossa. Quest’ultima è stata la dimora del colonnello inglese John Clay H. Mackowen, che come Axel Munthe collezionava reperti archeologici. A pochi passi dalla Casa Rossa ci sono la Chiesa di San Michele e la Chiesa di Santa Sofia.

Ritornati a Capri, si può andare alla scoperta del Centro Caprense Ignazio Cerio, situato proprio nei pressi della Piazzetta, dove si possono visitare diverse sale dedicate alla botanica, alla zoologia e all’archeologia dell’isola. L’ultima tappa di questo excursus è la Certosa di San Giacomo, con attiguo museo e sale dedicate al pittore tedesco Karl Wilhelm Diefenbach.

Gli appassionati di storia, invece, potranno intraprendere un viaggio nel tempo visitando Villa Jovis e Villa Damecuta, dando vita all’itinerario “La Capri di Tiberio”. La prima villa si trova a Capri e si accede attraverso un percorso che si snoda tra le abitazioni dei capresi e scorci panoramici unici, come quelli che si possono ammirare dal Parco Astarita, che si trova sul percorso che conduce agli scavi di Villa Jovis. Una volta arrivati si può osservare l’imponente costruzione dalla quale si può ammirare l’intero Golfo.

Per visitare Villa Damecuta, invece, bisogna spostarsi verso Anacapri. Per raggiungere la meta si può viaggiare in autobus e scendere alla fermata indicata dall’autista. Le rovine si trovano a poca distanza dalla fermata: infatti, ci si arriva con una breve passeggiata attraverso una suggestiva strada panoramica che arriva nella pineta dove sono situati gli scavi.

Queste sono solo alcune delle attività che si possono intraprendere sull’isola. E qual è il metodo migliore per raggiungere Capri? Naturalmente, viaggiare con Snav! Consulta gli orari e prenota subito il tuo aliscafo per Capri: partenze giornaliere tutto l’anno.

Capri Studios, dove nascono i capolavori del pop e del rock

Che Capri fosse una delle località preferite dai vip di tutto il mondo, è cosa risaputa; pochi invece sanno che l’isola ospita uno studio di registrazione frequentato da alcune delle stelle più luminose del panorama musicale mondiale, che scelgono di dare vita qui ai loro lavori discografici.

Chi avrebbe mai detto che alcuni dei più celebri best seller della musica internazionale prendono forma qui, sotto il cielo di Capri, e non ad Abbey Road o in qualche modernissimo studio newyorchese?

I Capri Studios sorgono inosservati e in modo quasi anonimo tra le case bianche tipiche dell’isola, all’ombra del monte Solaro e con affaccio sull’azzurro di Marina Piccola: di fatto, diventano la location ideale per trovare la giusta ispirazione artistica, grazie a un incredibile connubio di natura, tranquillità, tutela della privacy e ospitalità fuori dal tempo.

E così, nomi del calibro di Sting, Aerosmith, Mariah Carey, Simple Minds, Duran Duran e Pearl Jam hanno scelto i Capri Studios per incidere i propri brani, hit di fama mondiale che vengono cantate a squarciagola dai fan di tutto il globo durante i concerti, alla radio o in televisione.

Anche i vip nostrani mostrano una certa predilezione per questo luogo: possiamo fare i nomi di Zucchero, Vasco Rossi, Franco Battiato e Laura Pausini, tutte stelle del firmamento musicale italiano che periodicamente vengono qui a registrare i loro album.

Il segreto, secondo Carlo Quinto Talamona, proprietario degli Studios, risiede nel saper garantire agli artisti un mix perfetto di eccellenza tecnologica, grazie alla presenza di macchine sofisticate e all’avanguardia, e ospitalità caprese, che mette i musicisti in condizione di poter lavorare nel massimo comfort.

Anche se non siete delle pop star ma semplici amanti dell’Isola Azzurra e volete godervi l’incanto di questa location ricca di fascino e bellezza, consultate gli orari delle partenze degli aliscafi Snav che collegano il porto di Napoli a Capri tutti i giorni dell’anno.

 

 

L’imperatore di Capri, film con Totò

Il protagonista è Antonio De Fazio, interpretato da Totò, che di professione fa il cameriere presso un albergo di Napoli. Un giorno, per puro caso, viene scambiato dalla bella Sonia Bulgarov, ospite dell’hotel, per il Bey Khan di Agapur, uomo ricchissimo (anzi, il più ricco del mondo), ed è invitato ad andare con lei a Capri. Lo scambio di persona continua anche sull’isola: qui Antonio ha la possibilità di frequentare gli ambienti più chic, snob e mondani, e viene conteso e venerato da tutte le donne che incontra. L’equivoco sarà risolto soltanto con l’arrivo della moglie e della suocera del protagonista, ma l’epilogo del film conterrà comunque un lieto fine.

Curiosità: il produttore de “L’imperatore di Capri“, Carlo Ponti, aveva previsto sette settimane di lavorazione per il film; le riprese, tuttavia, durarono soltanto 3 settimane, per cui Totò impiegò il tempo rimanente per girare un altro film sotto la produzione dello stesso Ponti, “Totò cerca casa”.

Ecco una delle scene più divertenti del film:

 

Capri, da sempre, è il set naturale per molti film di successo; anche in questo caso, l’isola si mostra in tutto il suo splendore pur essendo la pellicola in bianco e nero. Se invece volete scoprire i colori di questo fantastico luogo, date un’occhiata al calendario delle partenze degli aliscafi Snav che coprono la tratta Napoli – Capri: troverete tutte le informazioni sugli orari delle corse giornaliere.

 

 

Treno + nave, con Trenitalia e Snav il viaggio è più comodo

Visitare i più bei luoghi del Golfo di Napoli e le isole Eolie è semplice anche per chi non vive nel capoluogo partenopeo: Snav e Trenitalia presentano anche quest’anno il servizio treno + nave, che consente di arrivare a Napoli in treno per poi raggiungere le località del golfo e le Eolie in aliscafo.

Disponibile fino al 3 settembre 2012, il servizio treno + nave include un biglietto unico acquistabile in stazione, nelle biglietterie e sul sito di Trenitalia, che comprende il viaggio in treno fino a Napoli, un servizio navetta verso l’imbarco e il viaggio in aliscafo con Snav fino alla meta scelta: Capri, Casamicciola, Procida e le Isole Eolie.

All’arrivo in Stazione Centrale a Napoli, chi sceglie la formula treno + nave sarà accolto dallo staff presso un meeting point davanti al FrecciaClub e accompagnato presso la navetta bus riservata fino al pontile d’imbarco per il trasferimento in aliscafo.

Una formula che Trenitalia e Snav ripropongono nel 2012 dopo il successo degli scorsi anni. Per maggiori informazioni è possibile consultare trenitalia.com o rivolgersi alle stazioni, uffici assistenza, biglietterie, agenzie di viaggio e su FSNews e FSNews Radio.

I Giardini di Augusto a Capri

I giardini di Augusto a Capri sono un capolavoro di botanica nato dalla volontà dell’imprenditore tedesco Friedrich Alfred Krupp (che dà il nome all’omonima famosa via di Capri che lui stesso volle, realizzata a tornanti strettissimi e su pendii proibitivi). Ora i giardini sono di proprietà del comune di Capri e sono intitolati all’imperatore romano sin dalla fine della prima guerra mondiale.

I diversi panorami che si possono godere dalle terrazze rapiscono il fiato: le vedute di Capri e Marina Piccola sono infatti spettacolari, grazie alla posizione panoramica di cui godono i giardini.

Questi ultimi custodiscono le varie specie vegetali che dimorano sull’isola: palme, pini, dalie, gerani, ginestre e molte altre , che testimoniano la grande varietà di vegetazione presente a Capri. Alle aiuole si intervallano varie statue neoclassiche ed un’opera di Giacomo Manzù, eretta a ricordo della visita di Lenin a Capri del 1908.

Per chi volesse visitare gli incantevoli Giardini di Augusto, l’isola è raggiungibile imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi Capri Snav.

Napoli: Monte Solaro, Anacapri

Di sicuro fascino per il turista in visita a Capri è l’itinerario del Monte Solaro, la cima più alta dell’isola, con i suoi 589 metri di altezza.

Suggestivo ed emozionante, grazie all’atmosfera surreale e alla ricca vegetazione, il Monte Solaro si può raggiungere sia a piedi, sia attraverso la seggiovia: per entrambi gli itinerari si parte da Anacapri.

La passeggiata sul Monte Solaro inizia da Piazza Vittoria proseguendo a sinistra su via Capodimonte e poi a destra su via Monte Solaro. Il panorama si affaccia sull’abitato di Anacapri e sulla sinistra si può ammirare il Castello di Barbarossa. A circa 514 metri si raggiunge Monte Cappello; la vegetazione in primavera è una distesa colorata di fiori. Si incontrano a seguire la Conca dell’Anginola, l’Osservatorio solare e la chiesa di S. Maria a Cetrella.

La seggiovia che porta in cima al monte incanta il turista grazie alla vista sul Golfo di Napoli e di Salerno, sull’isola di Ischia e sullo splendido mare dal quale emergono i famosi Faraglioni.

Ricordiamo ai turisti desiderosi di intraprendere uno dei due itinerari del Monte Solaro, che l’Isola di Capri è raggiungibile imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi per Capri Snav.

Chiummenzana, ricetta caprese

La Chiummenzana è un sugo al pomodoro con gli aromi tipici della cucina mediterranea.

Questa prelibatezza tipica dell’isola di Capri viene impiegata per molteplici usi: come condimento per pasta, come salsa per intingere i ravioli fritti e  al posto dell’olio o del burro per cuocere la carne o le uova a occhio di bue.

Per preparare una buona Chiummenzana Caprese seguite questa veloce e semplice ricetta.

Soffriggere in una padella 2 spicchi d’aglio e del peperoncino in 3 cucchiai d’olio d’oliva. Aggiungere 10-12 pomodorini tagliati a metà e un pizzico di origano; far cuocere per 15 minuti. Al posto dei pomodorini si possono usare anche 3-4 pomodori maturi tagliati a dadini.

Con questo sugo, ad esempio, si può preparare un piatto semplice, ma molto saporito. Cuocere in acqua salata bollente 400 gr di vermicelli, scolarli al dente e farli saltare nella padella dove è stata preparata la Chiummenzana. Aggiungere, infine, qualche foglia di basilico fresco: il piatto è pronto per essere servito!

I sapori mediterranei dell’Isola di Capri sono raggiungibili imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi per Capri Snav.

Capri: “Paparazzi” di Neri Parenti

Paparazzi è un film di Neri Parenti, del 1998, ambientato nella splendida Isola di Capri.

Il film è di una comicità tutta italiana e ha nel cast Massimo Boldi, Christian De Sica, Diego Abatantuono, Nino D’Angelo e Roberto Brunetti.

Tra le celebrità che hanno partecipato al film citiamo la modella Valeria Mazza, Martina Colombari, Natalia Estrada, Brigitte Nielsen, Alba Parietti e molti altri vip dello spettacolo italiano.

Il film racconta di cinque paparazzi sulle spiagge assolate di Capri in cerca dello scoop dell’anno.
I 5, stanchi di rincorrere le star dello spettacolo in ogni momento della giornata, decidono di tentare il colpo della vita: fotografare una scappatella del Presidente degli Stati Uniti.
I paparazzi fanno centro, il Presidente si dimette e diventano loro le prede più ricercate dai paparazzi che li cercano ovunque e li costringono a nascondersi in un convento spacciandosi per frati.
Ma 5 suore, che in realtà sono “paparazze”, faranno loro una bella sorpresa…

L’Isola di Capri, location di molti film per la sua ineguagliabile bellezza, è raggiungibile imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi per Capri Snav.

Capri: la Piazzetta, salotto del mondo

Sullo splendido panorama di Monte Solaro si apre Piazza Umberto I, la famosa Piazzetta di Capri.

La Piazzetta è il cuore del comune di Capri, un luogo incantato che è diventato il centro mondano dell’isola,   soprannominato infatti “salotto del mondo”.

L’idea è venuta nel 1938 a un giovane isolano, Raffaele Vuotto, che aprì un bar nella Piazza (adibita all’epoca al mercato della verdura e del pesce) e sistemò fuori dal locale alcuni tavolini con le sedie.

L’idea è stata grandiosa è ancora oggi isolani e turisti si siedono in Piazzetta al riparo dal sole sotto i grandi ombrelloni storici del bar per fare colazione, gustare un aperitivo o semplicemente chiacchierare tra amici. Nella Piazza vi è anche una piccola edicola, il Municipio e i vigili urbani.

A pochi passi da questo magico salotto all’aperto vi è la stazione della Funicolare Capri-Marina Grande.

I turisti che desiderano visitare il famosissimo salotto dell’isola azzurra, possono imbarcarsi al porto di Napoli sugli aliscafi per Capri o da Marina Piccola prendere uno dei tanti autobus che arrivano a Capri; in alternativa è possibile arrivarci anche tramite la funicolare.

Capri: totani e patate

La cucina di Capri è famosa per la bontà dei suoi piatti, ricette tipiche tramandate da generazioni, a base soprattutto dell’ottimo pesce che lo splendido mare offre.

Tra i secondi piatti più rinomati dell’isola, un posto d’onore va agli squisiti totani e patate.

La ricetta per quattro persone è la seguente:
Soffriggere in una padella dell’olio d’oliva con 1 spicchio d’aglio, ¼ di cipolla e del peperoncino per qualche minuto.
Aggiungere al soffritto 1 Kg di totani puliti e tagliati a listarelle e versarvi mezzo bicchiere di vino bianco, una volta evaporato aggiungere un grappolo di pomodorini ciliegini.
A parte pulire e tagliare in piccoli tocchetti 1 Kg di patate, versarle all’interno della padella con i totani ed i pomodorini, salare al punto giusto e coprire lasciando cuocere adagio. Quando le patate saranno cotte unire del prezzemolo tritato e aggiungere un filo d’olio d’oliva. Il delizioso piatto totani e patate è pronto per essere servito in tavola.

I turisti che desiderassero assaggiare le bontà della cucina caprese possono raggiungere l’isola imbarcandosi al porto di Napoli, di Castellammare o di Sorrento sugli aliscafi per Capri Snav.