Libri: l’Amica geniale

Napoli non è solo protagonista in diverse opere artistiche, ma compare come sottofondo anche in diverse opere letterarie. Un pullulare di voci e storie si interseca in un tessuto sociale quanto mai complesso e stratificato per dare vita a personaggi iconici e indimenticabili al tempo stesso.

Non fa differenza, in tal senso, l’opera “L’amica geniale” di Elena Ferrante. La misteriosa autrice di questa tetralogia, molto apprezzata anche all’estero, racconta, con un discorso fluido e lucido la condizione della donna, la sua integrazione a livello sociale e la costruzione dei rapporti sia con lo stesso sesso che con il sesso maschile.

Stagliandosi nella più ampia tradizione del romanzo di formazione, L’Amica Geniale è concepito come un romanzo unico dalla sua stessa autrice, o come romanzo di maturità. Per la lunghezza del contenuto e la complessità e la varietà delle tematiche trattate, la storia è stata suddivisa in quattro romanzi:

  • L’amica geniale (2011),
  • Storia del nuovo cognome (2012)
  • Storia di chi fugge e di chi resta (2013)
  • Storia della bambina perduta (2014)

La storia segue le vicende di Lenù e Lila, due bambine e poi donne, che crescono nella periferia est di Napoli. Amicizia, invidie e competizione fanno parte di questo crescere insieme. Le due amiche, seppur legate da un amore profondo, vivono la complessità della loro condizione che decreta percorsi diversi e modi di affrontare la vita conseguenti.

Altri temi sviscerati in questa trama ricca e vivace sono il ruolo sociale della letteratura e dell’intettuale e di come questi pesino riguardo i disordini e i movimenti di protesta. Tra le altre questioni c’è anche l’avvento della computerzzazione e le proteste in fabbrica che hanno animato gli anni Settanta. Il conflitto di classe e l’ascesa sociale è correlata al contesto di provenienza è un altro tema che caratterizza e influenza il rapporto delle due protagoniste.

La serie di romanzi è stata accolta positivamente non solo in Italia, ma anche all’estero. L’emittente statunitense HBO, con la produzione di Rai Cinema e Fandango, ha realizzato 8 puntate ispirate al romanzo. Il romanzo ha viso anche una riduzione teatrale in 4 atti con regia di Melly Still andata in scena al Rose Theatre di Londra.