Viaggio nell’area marina protetta Regno di Nettuno

0 commenti 6 febbraio 2016

Delfino Comune

Oggi andiamo alla scoperta dell’Area marina protetta Regno di Nettuno, istituita nel dicembre 2007, la quale è situata attorno alle isole del Golfo: Ischia, Procida e Vivara. La posizione delle tre isole, insieme alla costa flegrea delimitano i bordi un sito vulcanico, tutt’oggi attivo e che è la causa delle molteplici sorgenti termali, che caratterizzano la zona.

L’Area si suddivide in 5 zone di salvaguardia, istituite a tutela della flora e fauna marina, particolarmente ricca in questi luighi. Lo scopo è quello di limitare e vietare, in alcuni casi, le attività che possono essere fonte di turbamento per le specie vegetali e animali.

In quest’area, come abbiamo accennato, ci sono anche diverse limitazioni per quanto riguarda la pesca, ma anche la raccolta di essenze vegetali, nonché l’appropriazione di reperti archeologici o geologici rinvenuti in loco. Inoltre, è vietata, ovviamente, qualsiasi immissione di sostanze tossiche e inquinanti.

La ricchezza che rende l’Area marina il Regno di Nettuno un caso unico al mondo consiste nella presenza di specie animali che popolano, alcune il Mediterraneo del Nord, mentre altre il Mediterraneo del Sud. Questo accade perché Il Regno di Nettuno si trova proprio sul confine climatico che taglia in due il mar Mediterraneo.

In queste zone sono presenti anche molti cetacei, capidogli e delfini, che trovano un ambiente favorevole per la riproduzione e la vita. Il Canyon di Cuma, in particolare, rappresenta il regno del Delfino Comune, specie in via di estinzione.

Altra presenza spettacolare è caratterizzata dalle praterie di poisedonia, che si estendono sul fondale per chilometri. Inoltre, sono presenti anche formazioni coralligeno, con formazioni di alghe rosse, madrepore e coralli. Tra le specie più interessanti, presenti a Ischia, possiamo annoverare il falso corallo nero o “Gerardia savalia” presente lungo il costone della torre di S. Angelo.

Ovviamente alcune zone presentano restrizioni e vincoli, meno forti, in quanto è permessa la navigazione, la balneazione e la pratica di alcuni sport acquatici. Oltre alle immersioni, chi vuole regalarsi un’esperienza unica può partecipare al Whale Whatching. Quest’ultimo si svolge con crociere giornaliere o con campi di avvicinamento settimanali. Partecipando a questa attività è possibile avvistare e visitare le famiglie di delfini che costantemente frequentano le isole o di partecipare alle crociere di studio per l’identificazione dei cetacei presenti. I più pigri, invece potranno crogiolarsi al sole sulle numerose spiagge di Ischia o sulle due spiagge di Procida, godendo di un mare cristallino, delle sorgenti termali e di un clima particolarmente mite.

No related posts.

Articoli correlati elaborati dal plugin Yet Another Related Posts.

Tags: , , , ,

Categoria: Luoghi da scoprire