Napoli: Parco regionale di Roccamonfina-Foce Garigliano

Napoli: Parco regionale di Roccamonfina-Foce Garigliano

Il Parco regionale di Roccamonfina-Foce Garigliano è un’area protetta che comprende parte dei territori di Caserta, basso Lazio e Molise.
Camminare in questa immensa riserva, costituita da boschi secolari e deliziosi borghi medievali trasmette al visitatore l’incantevole sensazione di trovarsi in un posto senza tempo.

Il parco, istituito nel 1993, è dominato dal vulcano Roccamonfina, più antico del Vesuvio, e si estende per circa 9000 ettari.
Le rocce dalle curiose forme, ricordano la passata attività vulcanica del territorio, oggi un’oasi verde fatta di splendidi sentieri, boschi di castagni, uliveti e vigneti.
Proprio in questi boschi si rifugiano numerosi animali tra cui volpi, cinghiali, lepri, tassi e altri piccoli mammiferi. La ricca avifauna comprende cuculi, picchi, civette e esemplari rarissimi come l’airone rosso, le cicogne bianche e i gufi di palude.

I turisti che volessero passeggiare tra i boschi del Parco regionale di Roccamonfina-Foce Garigliano, gustare le sue famose castagne e vivere le feste folkloriste dei suoi paesini, possono raggiungere Napoli partendo da tutte le destinazioni servite dai traghetti e dagli aliscafi Snav.

Napoli: Riserva Naturale Foce Volturno Costa di Licola

Tra la pineta di Licola e l’estuario del fiume Volturno si estende per circa 1550 ettari la Riserva Foce Volturno Costa di Licola.

L’area naturale protetta campana, che è compresa nelle provincie di Caserta e Napoli, è stata istituita nel 1999 ed è nota anche per l’Oasi di protezione dei Variconi e per il Lago Patria, habitat e rifugio di numerosi volatili (Airone cenerino e rosso, garzetta, falco pescatore e falco della palude) e di differenti specie marine (cefali, orate e anguille).
Durante il periodo della migrazione è possibile osservare il Cormorano, mentre in primavera si può incontrare l’Upupa.
Il territorio nei pressi del fiume Volturno è costituito da sedimenti sabbiosi e argillosi depositatisi nelle ultime migliaia di anni.
La pineta si contraddistingue per la vegetazione tipica della macchia mediterranea, mentre nelle aree rimboschite prevalgono il Pino domestico, il Leccio, il Corbezzolo e il Mirto.
Sulle coste sabbiose fiorisce, nel periodo estivo, lo splendido Giglio marino.

I turisti che volessero visitare la Riserva Foce Volturno Costa di Licola possono raggiungere Napoli partendo da tutte le destinazioni servite dai traghetti e dagli aliscafi Snav.