Procida: calamari ripieni

Procida: calamari ripieni

Il mar Tirreno è una fonte ricchissima di pesce fresco e riesce a far sì che anche i palati più esigenti siano soddisfatti con piatti semplici e appetitosi, come quelli tipici delle culture popolari.

Nell’incantevole isola di Procida il pesce è una vera e propria primizia: ogni giorno, nel pomeriggio, le “paranze” (barche da pesca che utilizzano il sistema dello strascico) ormeggiano in porto e sbarcano quintali di pesce freschissimo, davanti agli occhi di tanti procidani e turisti che affollano impazienti presso i punti di ormeggio.

Una volta sbarcato tutto il pescato, la gran folla si accalca a guardare cosa c’è di buono sui banchi dei punti vendita situati a pochi metri dall’ormeggio delle barche.. e, ovviamente, saranno i primi ad arrivare che avranno la possibilità di acquistare i pesci più richiesti.

Tra le varie specie del pescato procidano, è richiestissimo il calamaro, un’autentica istituzione del Golfo di Napoli, dal sapore autentico e pregiato. Quando si soggiorna a Procida, non si può lasciare l’isola senza aver gustato il calamaro ripieno alla procidana!

Per cucinare questa appetitosa ricetta isolana occorre, innanzitutto, lavare accuratamente i calamari lasciandoli interi. Si provvederà poi a tagliare a pezzetti solo i tentacoli e a riporli in un tegame con un filo d’olio extravergine di oliva e uno spicchio d’aglio schiacciato.

Occorrerà poi preparare la farcia: prima si ammorbidisce del pane in acqua e poi si sbattono delle uova in una padella, aggiungendo abbondante formaggio grana e pecorino (grattugiati), nonché sale e pepe.

Durante la cottura in padella bisognerà girare continuamente il tutto fino a far rapprendere le uova, per poi unirle ai tentacoli precedentemente tagliati.

Dopodiché si riempiranno i calamari con tutta la farcia a disposizione e si chiuderanno accuratamente con degli stuzzicadenti.

In una padella a parte si farà soffriggere uno spicchio d’aglio nell’olio e verranno aggiunti prima dei pomodorini a pezzi, e poi i calamari ripieni, con l’aggiunta di un po’ di vino bianco a sfumare il tutto.

Dopo 20 minuti circa di cottura si aggiungerà del prezzemolo tritato e si potranno servire in tavola i gustosi calamari alla procidana.  Di seguito troverete tutti gli ingredienti per preparare questa deliziosa ricetta.

Ingredienti
8 calamari
4 filetti d’acciuga
2 cucchiai di prezzemolo tritato
2 spicchi d’aglio
2 uova
2 cucchiai di vino bianco secco
Pan grattato
Olio extra vergine di oliva
Sale e pepe

Procida offre ai suoi tantissimi visitatori questa e tante altre gustose ricette della tradizione isolana.

Raggiungi velocemente Procida con gli aliscafi SNAV, che offrono il collegamento marittimo da Napoli e dalle altre isole del golfo, garantendo comfort e professionalità.

Scopri sul sito www.snav.it gli orari ed acquista il tuo biglietto per Procida!

Spaghetti alla procidana

Gli spaghetti alla procidana sono una vera bontà imperdibile, soprattutto per chi ama le specialità a base di pesce. Replicare questa ricetta è molto semplice e bastano pochi ingredienti e pochi semplici passaggi. Vediamo insieme come preparare un ottimo piatto di spaghetti alla procidana.

Ingredienti 4 persone:

1 polpo
olio extravergine d’oliva quanto basta
scorza grattugiata di 1 limone
prezzemolo
300g di spaghetti
sale e pepe

Pulire accuratamente il polpo e lessarlo in una pentola capiente che possa contenerlo comodamente. I tempi di cottura possono variare in base alla grandezza del polpo. Una volta pronto scolarlo, senza buttare via l’acqua. Tagliare il polpo in piccoli tocchetti, condirlo con olio, sale, prezzemolo e la scorza grattugiata di limone.

Intanto cuocere la pasta nell’acqua del polpo, portata a bollore. Scolare gli spaghetti al dente. Unire la pasta al polpo. Completare il piatto con un pizzico di pepe.  Mescolare gli ingredienti accuratamente. Servire immediatamente.

Per scoprire tutti i sapori dell’isola di Procida, prenota subito il tuo biglietto con SNAV. Effetuiamo collegamenti quotidiani con partenze da Napoli e Ischia Casamicciola. Acquista i tuoi biglietti per Procida e viaggia con SNAV.

Procida: minestra d’orzo

Tra le specialità che si possono gustare presso l’isola di Procida c’è la minestra d’orzo. Questo piatto dal gusto semplice è rustico è l’ideale per chi vuole riscoprire i sapori genuini della tradizione. Se in passato zuppe e minestre sono sempre state considerati “piatti per poveri”, oggi sono entrati a buon diritto nelle abitudini alimentari di molte persone, vista la semplicità di esecuzione e l’apporto bilanciato di nutrienti.

Spesso minestre e zuppe possono sostituire il classico piatto di pasta.In particolar modo, queste ultime, in inverno, non solo possono offrire un corretto apporto calorico, ma riscaldano e saziano senza però appesantire e soprattutto evitando l’assorbimento di grassi eccessivi. Vediamo come si prepara la minestra d’orzo alla maniera dei procidani.

Per quattro persone occorrono questi ingredienti:

200 gr. orzo
cipolla
50 gr. carote tagliate a dadini
50 gr. gambi di sedano tagliati a dadini
30 gr. patate tagliate a dadini
80 gr. speck tagliato in una fetta
olio d’oliva q.b
Sale, pepe, erba cipollina
Un litro e mezzo di brodo vegetale

Per preparare la minestra bisogna pulire e tagliare la cipolla a dadini. In un tegame versare l’olio e far appassire i dadini di cipolla. Aggiungere i dadini di carote, sedano e i bastoncini di speck. Far rosalare gli ingredienti per qualche minuto.
Aggiungere l’orzo, dopo averlo lavato con l’acqua fredda. Bagnare con il brodo e lasciar cuocere per 40 minuti. Dopo circa 30 minuti aggiungere anche i dadini di patate. Prima di terminare la cottura aggiungete sale, pepe ed erba cipollina.

Per scoprire le bellezze e le bontà di Procida anche d’inverno, viaggia con SNAV. Scegli la tratta servita dagli aliscafi Napoli-Procida.

Procida: cicarelle e patate

Tra le ricette che si possono gustare sull’isola di Procida c’è quella delle cicarelle e patate, una vera delizia per il palato! Una ricetta di mare semplice e gustosa, ideale da proporre in occasione di un pranzo o cena con gli amici.  Che cosa sono le cicarelle? Probabilmente sono conosciute con i nomi più comune di canocchie o cicale di mare e sono dei crostacei la cui polpa  ha un sapore delizioso.

Vediamo quali sono gli ingredienti e i passi principali per realizzare un buon piatto di cicarelle e patate. Dosi per 4 persone:

1 kg di cicarelle

1 kg di patate

Prezzemolo

Sale

Olio

Procedimento

Pulire le canocchie accuratamente e lavorarle grossolanamente. Sbucciare e lavare le patate. Tagliare le patate a fettine sottili e, dopo averle dorate, preparate un’altra padella con dell’olio e immergere le patate, salare e poi adagiare le canocchie sopra. Coprire la padella con un coperchio e far cuocere per un po’ di tempo. Mescolare più volte. Ultimare la cottura delle cicarelle  senza coperchio. Tagliare il prezzemolo finemente e una volta adagiato il composto di canocchie e patate su un piatto da portata, cospargere generosamente con il trito di prezzemolo. Per gustare al meglio questo piatto si consiglia di servire caldo.

Queste e altre gustose ricette si possono assaporare nei migliori ristoranti tipici di Procida. E per viaggiare verso questa deliziosa meta del gusto scegli gli aliscafi Napoli-Procida messi a disposizione da SNAV. Prenota il tuo titolo di viaggio su www.snav.it.

Il Tortano di Carciofi: ricetta di Procida

Con il ritorno delle festività pasquali, tornano anche i grandi classici della gastronomia. Tra i piatti tipici della gastronomia campana e partenopea troviamo il casatiello e la pastiera. Oggi proponiamo una ricetta rustica proveniente da Procida e che sarà perfetta per arricchire la tavola nel proprio nel periodo pasquale: Il Tortano di Carciofi.

Ingredienti per il ripieno

10 carciofi di Procida
mezza provola
4 pezzi di salsiccia
aglio, olio e vino quanto basta

Ingredienti per l’impasto

1 kg di farina
1 dado di lievito
250 gr di strutto
sale
pepe
acqua

Preparazione

Unire alla farina il dado di lievito sbriciolato un po’ di sale e acqua. Lavorare l’impasto in maniera che abbia una certa consistenza e metterlo a riposare.

In attesa che l’impasto lieviti, pulire i carciofi, scegliendo solo i cuori più teneri. Farli rosolare in padella con olio sale e aglio. Una volta cotti, metterli da parte. Sbriciolare la salsiccia e farla rosolare in po’ d’olio e vino, fino a cottura.

Intanto riprendere l’impasto, quando è cresciuto e unire lo strutto, poco alla volta e il pepe. Rimettere l’impasto a crescere. Una volta che risulti ben lievitato, stenderlo e incorporare i carciofi, con le salsicce e aggiungere la provola tagliata a cubetti piccoli. Arrotolare il tortano su sé stesso senza farlo rompere. Chiuderlo bene e disporlo in un ruoto da ciambella. Attendere che l’impasto così composto lieviti fino a raddoppiare di volume. Porre in forno preriscaldato a 180° fino a doratura.

Scopri le deliziose ricette di Procida e se vuoi visitare l’isola prenota il tuo biglietto con  Snav. Viaggia a bordo dei nostri aliscafi Napoli-Procida!

 

Procida: paccheri con carciofi alla procidana

L’isola di Procida offre tanti prodotti della terra genuini e saporiti. Fra le primizie procidane ha sicuramente una grande importanza il carciofo: quello coltivato sull’isola è del tipo romanesco, di dimensioni più grandi rispetto ad altre varietà, di un verde chiaro e venature violacee.

Al carciofo Procida dedica una sagra annuale nel mese di aprile, che si svolge a marina Chiaiolella, area in cui la coltivazione è particolarmente diffusa negli antichi orti chiamati “parule”.

I paccheri con carciofi alla procidana sono un primo piatto facile da preparare e dal gusto deciso, da abbinare a un buon bicchiere di vino.

Pulite i carciofi e tagliateli a spicchi, lasciateli sbollentare per breve tempo senza lasciarli diventare troppo morbidi.

Scolate i carciofi, nel frattempo soffriggete aglio e peperoncino piccante in olio extra vergine di oliva, per poi aggiungere qualche filetto di acciuga, capperi e olive nere. Saltate i carciofi in padella e lasciateli rosolare a fiamma medio-alta.

Scolate i paccheri e uniteli ai carciofi saltati, unendo prezzemolo, pecorino grattugiato e granella di pane tostata.

Per conservare intatto il sapore dei carciofi locali tutto l’anno, comprateli freschi e conservateli alla maniera procidana: puliti e sbollentati in acqua, aceto di vino bianco e sale e inseriti in vasetti di vetro con olio extravergine di oliva, aglio, peperoncino e origano. In alternativa potrete acquistarli già in barattolo.

Procida: “Cicarelle e Patate”

Procida è un’isola meravigliosa, dall’incomparabile bellezza e autenticità.
La piccola isola del golfo partenopeo è fatta di gente semplice che vive di mare. E proprio da quel mare azzurro e cristallino vengono pescati i pesci più saporiti, protagonisti delle ricette procidiane più sfiziose.

Le cicarelle, dette anche canocchie, sono cicale di mare dal gusto prelibato e sono l’ingrediente principale di questo gustosissimo piatto: “Cicarelle e Patate”.

Per 4 persone occorrono i seguenti ingredienti:
1 kg di cicarelle
1 kg di patate
prezzemolo, sale, olio a piacere

Preparazione
Lavorare grossolanamente le cicarelle. Pulire e lavare le patate, tagliarle a fettine e friggerle. Versare l’olio in una grossa padella e quando è abbastanza caldo immergervi le patate, aggiungere il sale e stendervi sopra le cicarelle. Coprire con un coperchio e far cuocere per un po’; quindi, mescolare di tanto in tanto lasciando questa volta la padella scoperta.
A cottura ultimata tagliare finemente il prezzemolo e spargerlo nel piatto di portata. Servire caldo.

I turisti che desiderano assaggiare le Cicarelle e Patate a Procida, possono imbarcarsi al porto di Napoli sugli aliscafi Snav per Ischia.