Napoli: Certosa di San Martino

Napoli: Certosa di San Martino

La Certosa di San Martino di Napoli è un meraviglioso monumento di architettura e arte barocca.

Situata sulla collina del Vomero che domina l’intero golfo napoletano, è stata dichiarata per il suo grande valore artistico, storico e architettonico “monumento nazionale”.

La Certosa, realizzata da Tino di Camaino e Attanasio Primario, fu voluta da Carlo duca di Calabria, che la fece erigere nel 1325, ma fu consacrata solo nel 1368 sotto il regno di Giovanna d’Angiò.

Nel corso dei secoli, questa grande opera monumentale si è arricchita di un grande patrimonio di assoluto prestigio comprendente marmi, stucchi, sculture, affreschi, dipinti e preziosi arredi.
L’interno della Certosa di San Martino ospita il Museo che offre ai visitatori dei percorsi e visite tematiche, che permettono loro di visitare i preziosi oggetti seguendo criteri cronologici, topografici e collezionistici.

La Certosa di San Martino si trova in Largo San Martino, 5. Per informazioni telefonare al numero 081.5781769
I turisti possono raggiungere Napoli partendo da tutte le destinazioni servite dai traghetti e dagli aliscafi Snav.

Napoli: il belvedere di San Martino

A pochi passi dalla stazione Morghen della Funicolare di Montesanto c’è il belvedere di San Martino, una delle vedute più belle della città di Napoli, da cui si può ammmirare l’intero golfo che offre uno spettacolo mozzafiato.

Forse non tutti sanno che dal belvedere è possibile vedere nitidamente “Spaccanapoli” l’antica via che divide la città in due e che, dall’alto, sembra una enorme crepa nella distesa di palazzi che si estende sino al mare.

Nello scenario incantato e sognante del belvedere di San Martino, tra le luci colorate della città che affollano tetti, monumenti e strade sorge la Certosa edificata nel 1325 in cima a un colle che abbraccia l’intero golfo napoletano per volere di Carlo d’Angiò, duca di Calabria.

All’interno della certosa si trova il Museo di San Martino, in cui sono raccolte sculture e quadri napoletani del XV e XVI secolo. Per chi ama il presepe napoletano, la collezione di San Martino è la tappa obbligata dopo San Gregorio Armeno.

Ricordiamo ai turisti che Napoli è raggiungibile da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.