Napoli: mostra di Keith Haring

Napoli: mostra di Keith Haring

Durante il periodo natalizio, il capoluogo partenopeo allieta i suoi visitatori con interessanti eventi, manifestazione, concerti e mostre.

Uno degli appuntamenti più originali è quello con la Domus Artis Gallery di Napoli, che ha deciso di rendere omaggio a Keith Haring con una mostra in suo onore. L’esposizione dedicata ad uno dei padri fondatori della Steet Art prevede la presentazione di più di trenta opere, tra cui le famose figure danzanti, gli animali e il radiant baby.

I graffiti di Keith Haring, in principio visibili soltanto nelle stazioni della metropolitana di New York, sono stati poi trasposti nei contesti e sui materiali più svariati. Le sue rappresentazioni che possono apparire in un primo momento disimpegnate, abbracciano invece temi universali come la nascita, la morte, la pace, la guerra e la fratellanza.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 7 Gennaio 2011 nella Domus Artis Gallery, situata a Via Vincenzo Cuoco 4.

Infine, precisiamo che Napoli è raggiungibile da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.

Sardegna: mostra Entretiempos

sardegnaDurante la stagione invernale, la Sardegna, la splendida isola al centro del Mediterraneo, si anima di interessanti eventi volti a promuovere l’arte e la cultura di questa incantevole terra.

Al museo d’arte della provincia di Nuoro (MAN) si svolge una mostra collettiva che raccoglie 17 artisti tra i più importanti del panorama artistico contemporaneo. L’evento intitolato “Entretiempos. Nel frattempo, istanti, intervalli, durate” è incentrato sull’esperienza del tempo nelle sue diverse sfaccettature. Gli artisti coinvolti per questa interessante e originale esposizione provengono da tutto il mondo. Si tratta di Jeff Wall, Clare Strand, David Claerbout, Paul Pfeiffer, Jochen Lempert, Mabel Palacín, Steven Pippin, Erwin Wurm, Iñaki Bonillas, Hiroshi Sugimoto, Michael Snow, Tacita Dean, Daniel Blaufuks, Joachim Koester, Ceal Floyer, Ignasi Aballí e Michael Wesely.

La mostra è aperta al pubblico da martedi a domenica dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle ore 15.30 alle 19.30. L’esposizione, il cui ingresso è gratuito, sarà attiva fino al 16 Gennaio 2011.

I turisti appassionati di arte contemporanea possono raggiungere il museo d’arte dove si tiene la mostra in circa un’ora e trenta di auto, partendo da Olbia e percorrendo la statale diretta a Nuoro.

Infine si ricorda che è possibile arrivare a Olbia imbarcandosi al porto di Civitavecchia sui traghetti Sardegna.

Napoli: mostra evento sul rock

napoliRock!- Mostra/evento sul rock e i suoi linguaggi” è un’originale manifestazione dedicata agli appassionati di musica e non, che ripercorrerà le tappe di oltre 50 anni di rock.
L’evento si svolgerà al “PAN- Palazzo delle Arti di Napoli“, in via dei Mille, dal 18 Dicembre 2010 al 31 Gennaio 2011 ed è previsto l’ingresso gratuito.

La mostra si articola in cinque sezioni tematiche che raccontano passo passo la storia del rock: “Rock legends”, “American dreams: il rock a stelle e strisce”, “The sound of music: storia ed evoluzione delle macchine parlanti”, “Napoli strizza l’occhio al rock” e infine “NapoLiverpool: la leggenda dei Beatles e la musica dei Fab Four”. In queste sezioni saranno esposti oltre 500 oggetti tra vinili, fotografie, manifesti d’epoca, gadget, memorabilia- rock e strumenti musicali che provengono dalle più famose collezioni private italiane.

La manifestazione è stata promossa dal Comune di Napoli- Assessorato alla Cultura, col Patrocinio del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America e del Consolato Britannico. Invece, ricoprono il ruolo di direttori culturali della mostra i critici musicali e docenti di storia del rock, Michelangelo Iossa e Carmine Aymone. Quest’ultimi sono riconosciuti come i massimi esperti italiani di storia dei linguaggi della musica popolare contemporanea.

Si ricorda infine che il “PAN” è raggiungibile dal porto di Napoli in circa 15 minuti di auto e che è possibile arrivare al capoluogo partenopeo da tutte le destinazioni servite dai traghetti e gli aliscafi Snav.

Sorrento: il presepe a Villa Fiorentino

il presepe a sorrentoSorrento può vantare una secolare tradizione di botteghe artigiane esperte nella realizzazioni di splendidi presepi. La Fondazione Sorrento offre ai tanti turisti che accorrono nel periodo natalizio nella penisola sorrentina la possibilità di visitare i presepi prodotti dalle migliori botteghe artigiane della cittadina campana.

Infatti a Villa Fiorentino, a partire dall’8 Dicembre 2010 al 9 Gennaio 2011 si svolgerà un’esposizione collettiva di presepi. Tra i maggiori artisti che hanno partecipato all’evento segnaliamo Marcello Aversa di Sorrento, Pietro Molli di Boscotrecase, Ulderico Pinfildi di Napoli, Giuseppe Ercolano di Meta di Sorrento, Alfredo De Pasquale di Napoli, Silverio Marrazzo e Marco Innocenti di Torre del Greco, Teresa Aversa di Piano di Sorrento, Ciro Abilitato di Torre del Greco, Giuseppe Ponticorvo di Sant’ Agnello, Armando del Giudice, Raffaele Troncone di Sorrento, Alfredo De Pasquale e Vincenzo Pisapia.

In particolare, l’elemento che colpisce di più nei presepi sorrentini è l’estrema cura nella realizzazione delle ambientazioni, frutto di attente ricerche svolte attraverso la consultazione di fonti di archivio e foto d’epoca che ritraevano siti antichi.

I turisti che desiderano partecipare a questa straordinaria esposizione, possono raggiungere Villa Fiorentino,  imbarcandosi al porto di Napoli, Capri o Castellammare sugli aliscafi per Sorrento Snav.

Sardegna: “Vele, tonni e scimitarre” a Cagliari

vele tonni e scimitarreA Cagliari, si tiene la mostra “Vele, tonni e scimitarre-Avventure salgariane nel Mar di Sardegna” nel Centro Comunale d’Arte e Cultura Lazzaretto di Sant’Elia.

L’evento che si svolgerà fino all’11 Dicembre 2010, costituisce un vero e proprio tuffo nel passato tra i sistemi di vita e le diverse culture che si sono intrecciate in Sardegna, la bella isola al centro delle rotte degli antichi mercanti in viaggio per il mar Mediterraneo.

Ma la mostra è incentrata soprattutto sulle opere di Emilio Salgari, “Le pantere di Algeri”e “La pesca dei tonni”, realizzate tra il 1904 e il 1903 e ambientate in Sardegna.

Vele, tonni e scimitarre – Avventure salgariane nel Mar di Sardegna” è la più importante mostra dell’anno dell’isola ed è un evento promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari con la collaborazione della Regione Sardegna.

L’esposizione colpisce soprattutto per le spettacolari scenografie realizzate dall’architetto Stefania Vola, che riproducono l’atmosfera avventurosa dei libri di Emilio Salgari.

I turisti che vogliono assistere a questa interessante mostra, possono raggiungere il capoluogo sardo in auto da Olbia, proseguendo lungo la statale diretta a Cagliari.

Invece è possibile approdare sulla bella isola, imbarcandosi al porto di Civitavecchia sui traghetti Sardegna Snav.

Sardegna: Mostra fotografica “Milis su triballu, sa vida”

mostra milisA Milis, un incantevole paese sardo in provincia di Oristano si svolgerà dal 12 al 21 novembre 2010 la mostra fotografica intitolata “Milis su triballu, sa vida”. Precisamente il titolo in dialetto sardo sta a significare “Il lavoro e la vita di Milis”.

L’evento curato da Stefano Pedrelli col Patrocino di Regione Sardegna, Provincia di Oristano, Comune di Milis, Federazione Italiana Associazioni fotografiche, avrà luogo nel Palazzo Boyl, edificio storico del comune di Milis.

La mostra fotografica rivela come gli antichi mestieri sardi con gli stessi tratti caratteristici del tempo siano ancora fortemente radicati tutt’ora nel tessuto popolare dell’isola, nonostante lo scorrere inesorabile del tempo.

Le attività lavorative di Milis si fondano ancora su antichi mestieri tramandati di generazione in generazione. L’esposizione fotografica ci parla del lavoro e della vita dei pastori, dei lavoratori dei cosiddetti “orti” ( aranceti, prodotto tipico di Milis), dei  lavoratori di canne di bambù, dei cestinai e delle raccolgitrici di erbe.

La mostra sarà inaugurata alle ore 18,30 di venerdì 12 Novembre e rimarrà aperta fino a domenica 21 novembre dalle ore 16 alle ore 19.

E’ possibile arrivare a Milis in circa due ore e trenta di auto, partendo da Olbia e proseguendo lungo la statale diretta ad Oristano.

I turisti che desiderano assistere alla mostra fotografica, possono raggiungere la splendida Sardegna imbarcandosi al porto di Civitavecchia sulle navi per Olbia Snav.

Procida: Mostra sulla storia della Subacquea

isola di procidaL’isola di Procida, un minuscolo ed incantevole fazzoletto di terra immerso nel Golfo di Napoli è la località ideale per la sua vocazione marina, per ospitare la “Mostra sulla storia della Subacquea”.

Nell’ex Conservatorio delle Orfane (l’antico palazzo di Giovanni da Procida) a Terra Murata, il centro storico di Procida, l’Università degli studi di Napoli l’Orientale in collaborazione con la Fondazione Restoring Ancient Stabile ha realizzato questa mostra dedicata alla capacità dell’uomo di immergersi nelle profondità del mare.

L’evento che si terrà fino al 30 Ottobre, prevede l’esibizione di ben 300 pezzi che vanno dalle semplici attrezzature semplici quali maschere e pinne agli erogatori per immersioni ad aria ed ossigeno, per approdare alle moderne e articolate dotazioni professionali come le macchine fotografiche, flash e specifiche attrezzature per sub.

La mostra si articola in diverse sezioni: apnea, autorespiratori d’aria, autorespiratori ad ossigeno, illuminatori subacquei, fotografia documentaristica ed ecologica, lavoro, corallo. L’esposizione delinea un percorso storico-archeologico che ben si lega alla passione per lo sport.

I turisti che vogliono assistere alla “Mostra sulla storia della Subacquea” possono raggiungere l’ex Conservatorio delle Orfane prendendo al porto si Procida l’autobus che ferma a Terra Murata.

Infine, è possibile approdare sull’isola imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi per Procida Snav.

Sicilia: la mostra di Fabrizio de Andrè

SiciliaLa splendida isola di Sicilia non è solo una delle località turistiche più rinomate della nostra penisola, ma è anche una terra che ospita importanti eventi di risonanza internazionale.

Quest’anno la città di Palermo rende omaggio al celebre cantautore e poeta genovese Fabrizio De André, ospitando fino al 10 ottobre 2010 una mostra che racconta per tappe la storia di questa incredibile personalità della musica italiana.

Questo straordinario evento intitolato “Fabrizio De André. La mostra”, avrà luogo presso l’ex deposito delle Locomotive Sant’Erasmo. I visitatori percorreranno un viaggio multimediale ideato da “Studio Azzurro”, uno dei più importanti gruppi internazionali di videoarte, che ha dedicato questo lavoro a De Andrè a dieci anni dalla sua scomparsa.

La mostra, che si articola in sei ambienti, racconta la vita, la musica e le passioni di questo grande maestro della musica che si è fatto interprete e in alcuni casi anticipatore dei mutamenti e delle trasformazioni della nostra società.

Gli appassionati della musica e della poetica di Fabrizio De Andrè possono partecipare a questo incredibile evento, raggiungendo la location della mostra con l’autobus diretto all’ex deposito delle Locomotive Sant’Erasmo, che parte dal porto di Palermo.

Invece, è possibile approdare sulla bella terra di Sicilia, imbarcandosi sulle  navi per Palermo che partono dal molo di Napoli.

Sardegna: mostra sui Templari

mostra dei templari in sardegnaAnche nel periodo autunnale la Sardegna continua il suo ricco programma di eventi culturali destinato ai numerosi turisti in vacanza sulla bella isola al centro del Mediterraneo.

La mostra incentrata sull’ordine dei Templari si svolge fino al 25 Settembre nella cittadina di Tempio Pausania, in provincia di Sassari.

L’evento organizzato dall’Ufficio per i Beni Culturali della Diocesi di Tempio-Ampurias, propone ai visitatori un suggestivo percorso sulla presenza dei Templari sull’isola sarda.

La mostra, frutto di un accurato studio sulle attività dell’Ordine del Tempio, traccia una mappa dei siti frequentati dai leggendari cavalieri nel territorio settentrionale della Sardegna, facendo riferimento alle recenti scoperte effettuate in numerose chiese della Diocesi di Tempio-Ampurias.

I turisti incuriositi dall’affascinante storia dei Templari possono raggiungere la mostra da Olbia in meno di un’ora di auto percorrendo la statale per Tempio Pausania.

Invece, è possibile arrivare in Sardegna, partendo dal porto di Civitavecchia con le navi per Olbia Snav.

Sicilia: La mostra “Terzo Rinascimento” ad Aci Castello

mostra in siciliaAnche nel mese di Settembre continua la stagione di eventi culturali destinata ad allietare i numerosi turisti che trascorrono le vacanze sull’isola.

Ad Aci Castello, una splendida cittadina della Sicilia si tiene fino al 20 Settembre la mostra “Terzo Rinascimento” presentata dall’Associazione culturale Famiglia Margini, in collaborazione con Ácaos, Galleria civica d’arte contemporanea. In particolare l’evento avrà luogo nella suggestiva cornice del Castello Normanno dell’XI secolo, simbolo della città.

Il palazzo che ospita un museo civico etno-paleontologico, si erge a strapiombo sul mare, affacciandosi da una parte verso l’Africa e dall’altro verso l’Etna.

La mostra affronta il tema dell’evoluzione del linguaggio artistico, espresso attraverso un piccolo gruppi di artisti contemporanee che attraverso diversi mezzi espressivi, cercano di ritrovare il vero senso dell’esistere. Le opere di questi artisti, attraverso percorsi di “devianza”, rispecchiano la necessità di spingersi verso la riqualificazione dei valori del Bello e del Buono.

Gli appassionati di arte contemporanea possono raggiungere Aci Castello da Palermo, proseguendo sull’autostrada diretta a Catania.

Invece è possibile approdare sulla splendida isola di Sicilia dal porto di Napoli con i traghetti per Palermo Snav.