Il Castello di Lipari

Il Castello di Lipari

Il Castello di Lipari è una costruzione maestosa che sorge a circa 50 metri a strapiombo sul mare e sovrasta le insenature che oggi ospitano il porto. La cittadella fortificata comprende, oltre al castello, anche altre edifici come la Cattedrale di San Bartolomeo e il quartiere sottocastello, che si trova più in basso. Tutte l’agglomerato è protetto da una poderosa cinta muraria.

Quest’area è stata abitata fin dal Neolitico, dove si costituì il primo insediamento e la Necropoli. Con il passare del tempo sia i greci che i romani apportarono modifiche alla struttura dando vita a un insediamento sempre più complesso e strutturato. Con il passare del tempo ogni dominazione ha lasciato il segno in questo luogo, apportando significative modifiche e aggiungendo nuovi edifici. Non mancano, infatti, costruzioni che richiamano l’architettura araba, sveva, normanna, angioina e aragonese.

La cinta muraria, invece, si caratterizza per elementi dell’architettura spagnola. Fu sotto la dominazione di Carlo V che si decise di dotare l’area di un sistema di fortificazione più efficiente, a seguito di un’incursione di Barbarossa che saccheggiò l’isola e deportò buona parte della popolazione. Nella cinta muraria furono inglobati anche le torri normanne e i resti delle fortificazioni medioevali, dando vita a una struttura inespugnabile.

L’ingresso principale al Castello avviene dalla torre-ingresso normanna che si affaccia su Piazza Mazzini. All’interno si possono osservare la Chiesa di Santa Caterina e la Chiesa della Madonna delle Grazie, entrambe dismesse al culto. Ci sono anche delle ampie zone di scavi che mostrano i resti di capanne risalenti all’età del bronzo e parte dell’impianto urbanistico greco-romano.

Accanto agli scavi si trova la scalinata del Concordato che collega la Cattedrale di San Bartolomeo. Il Castello ospita anche altri luoghi di culto come la Chiesa dell’Addolorata e la Chiesa dell’Immacolata. Infine, all’interno dell’area del Castello sono presenti diversi padiglioni del Museo Archeologico Eoliano: Bernabo Brea.

Durante le tue vacanze a Lipari, Snav mette a disposizione collegamenti con partenze da Napoli. Collegati al sito e scopri come prenotare il tuo aliscafo per Lipari, comodamente online!

Eolie: il Castello di Lipari

Sulla vetta di una roccia di origine vulcanica, a strapiombo sul mare, si erge il Castello di Lipari.

L’Acropoli è stata edificata circa 6000 anni fa su questa imponente roccia che, grazie alla sua conformazione, ha costituito in passato una difesa naturale contro gli attacchi dei nemici provenienti dal mar Tirreno. Grazie ai vari ritrovamenti archeologici dopo gli scavi del 1950 condotti da Luigi Bernabò Brea e da Madeleine Cavalier, si è scoperto che il castello è stato abitato dalle popolazioni dell’età del bronzo e dei metalli e addirittura del neolitico.

Oggi il castello costituisce il centro della vita culturale delle Eolie. Il suo aspetto odierno mostra le fortificazioni spagnole e normanne e una torre di età greca, risalente al IV secolo a.C.

Ogni giorno il Castello di Lipari è visitato da un gran numero di visitatori che ripercorrono la storia del Castello, attraverso i padiglioni, le chiese e le possenti fortificazioni.

I turisti che volessero entrare tra le mura di questo suggestivo castello e conoscerne meglio la sua storia, possono raggiungere l’isola partendo dal porto di Napoli con gli aliscafi Eolie Snav.