Cytisus aeolicus, il “gigante dei citisi”, pianta endemica eoliana

Cytisus aeolicus, il “gigante dei citisi”, pianta endemica eoliana

Il gigante dei citisi (Cytisus aeolicus Guss) è una pianta endemica di Vulcano, Alicudi e Stromboli, splendide isole dell’arcipelago eoliano.

Questa varietà leguminosa, che può raggiungere i 10 mt di altezza, fu riscoperta dal botanico avellinese Giovanni Gussone, nel 1828; la pianta, infatti, sfiorò l’estinzione a causa di un uso intensivo da parte dell’uomo ed è oggi inserita tra le specie “prioritare” dell’Unione Europea.

Il frutto prodotto dal gigante dei citisi è un legume scuro racchiuso in un guscio, acuminato sulla punta; i fiori sono gialli e le foglie sono rette da un picciolo lungo circa 15 mm e sono trifogliate.

Un tempo veniva utilizzata dai contadini eoliani soprattutto come foraggio, o semplicemente eliminata perchè di intralcio alle colture; oggi invece viene utilizzata come siepe o pianta ornamentale.

La pianta fiorisce su rupi e terreni vulcanici e i suoi esemplari si trovano principalmente sull’isola di Stromboli; sull’isola Vulcano sono presenti circa 150 esemplari, mentre su Alicudi se ne contano solamente 30.

Gli amanti della natura possono raggiungere l’arcipelago eoliano imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi Eolie Snav.

Eolie: Stromboli terra di Dio di Roberto Rossellini

Un classico del neorealismo italiano è il film Stromboli terra di Dio, diretto da Roberto Rossellini, girato e ambientato alle isole Eolie.

Il film drammatico, girato in bianco e nero, ha come protagonista la bellissima Ingrid Bergam e molti attori e comparse sono i veri abitanti dell’isola di Stromboli.

Stromboli terra di Dio racconta di Karin, una donna lituana confinata in un campo profughi, durante la seconda guerra mondiale.
Karin decide di ottenere la cittadinanza italiana sposando una guardia del campo e lo segue nella sua terra natia: l’Isola di Stromboli.
La donna inizia da subito a soffrire per le enormi differenze culturali degli isolani e per la gelosia del violento marito e, appena scopre di essere incinta, decide di scappare dall’inospitale terra.
Karin fugge, con l’aiuto del guardiano del faro, tentando di oltrepassare invano la vetta del vulcano, che già una volta aveva messo a rischio la sua vita a causa delle violente eruzioni, e invoca Dio di salvare lei e il suo bambino.

I luoghi del film Stromboli terra di Dio, sono raggiungibili imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi Eolie Snav.

Eolie: Stromboli, l’isola per chi ama una vacanza all’insegna della quiete

L’Isola di Stromboli, che fa parte dell’arcipelago delle Isole Eolie, è una meta perfetta per gli amanti della tranquillità.

La potenza della natura che avvolge l’isola, l’aria profumata e gli spazi aperti, donano ai turisti un profondo senso di quiete e di relax, sia per il corpo che per la mente.

L’Isola di Stromboli è composta dai quattro elementi naturali: terra, acqua, fuoco e aria; un luogo energetico che aiuta a armonizzare lo stato psicofisico ed è un luogo ideale per praticare la meditazione.
Inoltre, l’aria dell’isola vulcanica è particolarmente pulita grazie al divieto di circolazione dei veicoli: gli unici mezzi di trasporto sono i muli e i motorini elettrici che i turisti possono noleggiare.

Caratteristica dell’isola è anche la mancanza di illuminazione nelle strade, che rende più evidente l’immenso cielo stellato e la lava del vulcano, uno splendido spettacolo naturale che si può ammirare dall’Osservatorio di Stromboli.

Ricordiamo ai turisti che l’arcipelago eoliano è raggiungibile imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi Eolie Snav.