Sorrento: Villa della Regina Giovanna

sorrentoLa villa della Regina Giovanna, chiamata anche “I bagni della Regina Giovanna”, sorge sul promontorio di Capo Sorrento e costituisce un importante sito archeologico che si colloca tra il I secolo a.C. e il I secolo d. C. Le antiche vestigia qui conservate, costituiscono i resti di un’antica villa marittima romana, di cui ci fornisce qualche notizia il poeta latino Stazio nella sua opera letteraria “Silvae”.

La struttura che si estendeva per ben due ettari si divideva in due zone: la villa vera e propria che affacciava sul mare e una domus a vocazione agricola più all’interno. Questi due nuclei erano connessi tra loro da una serie di gallerie, mentre in superficie si ergevano numerose terrazze artificiali. L’antica villa che era raggiungibile sia da terra che da mare, doveva ben sposarsi con la bellezza del paesaggio circostante: i locali dell’antica dimora romana mostrano infatti la massima fruibilità del panorama mediante delle ampie finestre e grazie anche alla passeggiata attorno al porticciolo. Ma l’elemento paesaggistico che doveva maggiormente sorprende il visitatore della villa era un bacino naturale che gli antichi proprietari adottarono come attracco e piscina e decorarono con grande cura e maestria.

I turisti che vogliono visitare questo splendido sito archeologico, possono raggiungere Sorrento imbarcandosi al porto di Napoli, Capri e Castellammare sugli aliscafi per Sorrento Snav.