Sorrento: la campana di Punta Campanella

a sorrento è diffusa la leggenda della campana di punta campanellaMolti non sanno che Punta Campanella, la località dove si trova la bella cittadina di Sorrento, deve il suo nome ad alcune leggende legate alla presenza di una campana in questa regione.

Secondo un antico racconto sulla Torre Minerva, dove si appostavano i soldati di guardia per avvistare le navi pirata dei Saraceni, esisteva una piccola campana che veniva suonata in caso di pericolo.

Invece, un’altra leggenda propone una spiegazione diversa. Durante una delle scorribande dei pirati saraceni sulle coste della Penisola Sorrentina fu saccheggiata la chiesa di Sant’Antonino Abate, dalla quale fu trafugata anche la campana della chiesa. La nave pirata che trasportava la campana, giunta in prossimità di Punta Campanella fu bloccata da una forza misteriosa e nel tentativo di procedere e di raggiungere il resto della flotta che si allontanava, i predoni cominciarono ad alleggerire l’imbarcazione buttando in mare parte del loro bottino. Ma solo quando la campana di bronzo di Sant’Antonino cadde in acqua riuscirono finalmente a doppiare la punta.

Infine, la leggenda vuole che, non appena la campana scomparve nei flutti marini, si levò un improvviso e fortissimo vento che permise al vascello pirata di raggiungere in pochi attimi le altre navi.

I turisti che desiderano esplorare questa terra ricca di antichi miti e secolari tradizioni, possono imbarcarsi a Napoli, Capri e Castellamare con gli aliscafi Sorrento Snav.