Sardegna: tomba di giganti di Li Lolghi

tomba giganti li lolghiLe tombe di giganti sono monumenti funerari costituiti da sepolture collettive appartenenti alla età nuragica, presenti in tutta la Sardegna e quella di Li Lolghi, databile attorno al 1800 a.C., è tra le più belle e celebri dell’isola.

Saggiata nel 1959 da Delia Lollini e scavata a fondo nel 1965 da Editta Castaldi, è rimasta ottimamente conservata; la sua lunghezza è di circa 27 m. e la sua costruzione è in granito.

La tomba di Li Lolghi è situata nell’entroterra gallurese, a circa 10 km dal golfo di Arzachena. Sorge in posizione leggermente rialzata in un dolce paesaggio collinare ricoperto da macchia mediterranea.

La facciata è costituita da un’ampia esedra, la compongono 15 lastroni infissi verticalmente, di altezza crescente dai lati verso il centro, dove campeggia l’accuratissima stele centinata.
Dietro il portale si sviluppa il corridoio sepolcrale, foderato con lastre infisse a coltello e muratura a secco.
Intorno è ancora visibile un’ellisse di pietre che originariamente dovevano coprire il monumento funebre formando il tumulo.

I turisti che vogliono visitare la Sardegna e i suoi monumenti possono imbarcandosi al porto di Civitavecchia sui traghetti per Olbia Snav.