Gli antichi sapori croati

La gastronomia della Croazia si presenta molto ricca e variegata. Gli antichi sapori della tradizione hanno subito gli influssi dell’entroterra mitteleuropeo (ungherese e austriaco) nelle sue regioni più interne, mentre in tutta la zona costiera domina la cucina mediterranea. Sul litorale adriatico la tradizione impone piatti a base di pesce, che generalmente viene cucinato alla brace per esaltarne il gusto freschissimo. Branzini, orate e dentici la fanno da “padrone”, insieme a calamari, scampi e gamberi.
In Dalmazia in piatto tipico è il brodet , una zuppa di pesce con riso e manzo speziato cotto nel vino. E per le pietanze a base di carne la pasticada, un piatto a base di stufato di manzo cotto in salsa con verdure e spezie, che viene generalmente accompagnata con gnocchi. Le isole invece, in particolare Pag e Krk, sono famose per la produzione di formaggi di pecora, che vengono serviti come antipasto insieme al prosciutto dalmata, che subisce un particolare trattamento prima di essere affumicato.
Spostandosi verso l’entroterra lo scenario gastronomico cambia completamente: il clima è più rigido e le pietanze tradizionali sono più “robuste”, generalmente a base di carne e salse. La sarma ad esempio è molto usata nella zona di Zagabria ed è un piatto di origine turca preparato con foglie di cavolo arrotolato, ripieno di carne mista, suino e spezie. Mentre il kulen è un formaggio piccante della Slavonia servito con verdure sott’aceto e peperoni. E sono da assaggiare le infinite qualità di strukli, preparati in casa con pasta fresca e farciti con formaggi freschi, noci, mele o diversi tipi di marmellate.
Insomma, un paese piccolo ma che sicuramente preserva e tramanda con orgoglio i suoi tradizionali prodotti tipici. Un motivo in più per andare in vacanza in Croazia e degustare le numerose specialità gastronomiche.