Sorrento: Carmela (Duorme Carmè), di Giambattista De Curtis

sorrento panoramaDuorme Carmè è uno dei brani più famosi di Giambattista De Curtis, pittore e poeta napoletano.

La canzone si ispira a un fatto realmente accaduto all’artista mentre si trovava per lavoro a Sorrento. De Curtis incontrò Carmela nel parco dell’albergo dove soggiornava, la prosperosa fanciulla portava con sé un cesto di frutta. Il poeta le chiese “Chi sei”, ella rispose “Carmela, e vengo a portare le primizie”. “Di solito cosa fai?” – continuò – la ragazza rispose prontamente “Cosa faccio? Dormo”.
D’improvviso l’artista ebbe l’ispirazione di una gustosa poesia che lo fece immaginare di essere l’interprete dei sogni della giovane Carmela.

I versi principali sono questi: “Duorme, Carme’: ‘o cchiù bello d”a vita è ‘o ddurmí…
Sònnate a me: ‘mparaviso cu tico vogl’i!”
Canta, Carme’: tantu bella è ‘sta voce a sentí…
Canta pe’ me, ca tu ‘ncielo mme faje saglì!

Giambattista De Curtis amò Sorrento e passò gran parte della sua vita in quella città, da lui entusiasticamente cantata in un gran numero di canzoni tra le quali la famosa “Torna a Surriento!”.

La città partenopea è raggiungibile imbarcandosi al porto di Napoli, di Capri e di Castellammare sugli aliscafi per Sorrento Snav.