Cinema

“Un turco napoletano”, da una farsa di Scarpetta con Totò

un turco napoletano totòTotò è il protagonista del film Un turco napoletano del 1953, per la regia di Mario Mattoli. La pellicola è il primo film trittico scarpettiano di cui fanno parte anche Miseria e nobiltà e Il medico dei Pazzi.

Totò interpreta Felice Sciosciammocca, che viene arrestato per aver ucciso uno strozzino; in realtà sta solo coprendo un povero uomo oppresso dalla vittima.
Quando Felice viene a sapere che è condannato a morte, evade di prigione insieme al compagno di cella Faina (Aldo Giuffrè), un uomo dalla forza straordinaria.
I due incontrano un turco che deve recarsi a Sorrento, lo stordiscono, lo derubano e Felice prende la sua identità e va a lavorare nella bottega di don Pasquale Catone.
L’uomo pensa che il turco è un eunuco e gli dà un cospicuo stipendio per controllare moglie e figlia delle quali è gelosissimo, non sapendo che invece Felice è un incallito “sciupafemmine”. Quando Faina scopre che Felice prende quel ricco compenso decide di vendicarsi dell’amico conosciuto in galera…

E’ possibile acquistare il film Un turco napoletano sul sito www.ibs.it; ricordiamo inoltre che Napoli è raggiungibile partendo da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.

Napoli: “Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?” di Billy Wilder, Ischia

billy wilderChe cosa è successo tra mio padre e tua madre? è un film diretto da Billy Wilder e ambientato nell’isola verde.

La pellicola è stata girata nel 1972 proprio ad Ischia e la maggior parte delle riprese sono state fatte negli angoli più suggestivi dell’isola come Ischia Ponte, gli scogli di Sant’Anna e la chiesa del Soccorso a Forio.

Protagonisti del film sono Wendell Armbruster Jr. (Jack Lemmon) e Pamela Piggott (Juliet Mills).
Wendell è giunto a Ischia per recuperare la salma del padre, morto in un incidente d’auto e scopre che l’uomo si recava da oltre dieci anni sull’isola dove faceva per quattro settimane delle cure termali e nel frattempo teneva una relazione con una donna inglese, morta anch’essa nell’incidente.

L’erede dell’industriale conosce Pamela, figlia dell’amante del padre, anch’essa approdata ad Ischia per il funerale della madre e i due si innamorano. La promessa che l’uomo e la donna si fanno è di ritrovarsi ogni anno nella splendida isola verde, proprio come fecero i rispettivi genitori.

Ricordiamo ai turisti che la bella Ischia è raggiungibile imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi per Ischia Snav.

Napoli: Pacco, doppio pacco e contropaccotto di Nanni Loy

Pacco, doppio pacco e contropaccotto di Nanni LoyPacco, doppio pacco e contropaccotto è un film comico italiano del 1993 diretto da Nanni Loy, ispirato a Napoli e al popolo partenopeo.

La pellicola è suddivisa in 10 racconti, tutti ambientati nel capoluogo partenopeo, dove le truffe di impostori professionisti e non sono all’ordine del giorno.

Al film hanno partecipato molti artisti italiani tra cui Leo Gullotta, Enzo Cannavale, Alessandro Haber, Giobbe Covatta, Marina Confalone, Mara Venier e altri ancora.

Tra gli episodi più divertenti citiamo “Il fantasma di via Sanità”, dove un falso medium riesce con l’inganno a trasferirsi in un lussuoso appartamento, ma il vero e finto spirito sfratterà il truffatore architettando con la moglie una bizzarra trovata!
Esilarante anche il racconto “Cuore di mamma” con Alessandro Haber, professore di matematica, che si invaghisce di Mara Venier, la quale lo corrompe sessualmente per far promuovere il figlio; l’anno seguente sarà però il professore a ricattare il ragazzo per fargli incontrare la madre…

Ricordiamo, infine, che la splendida Napoli è raggiungibile da tutte le destinazioni servite dai traghetti e dagli aliscafi Snav.

Napoli milionaria! di Eduardo De Filippo

napoli milionaria di aduardo de filippoNapoli Milionaria! è un film del 1950 scritto, diretto e interpretato dal grande Eduardo De Filippo.

La commedia si svolge a Napoli durante la II guerra mondiale, quando Gennaro e sua moglie Amalia si arrangiano a tirare avanti con la vendita abusiva di caffè. Malgrado l’uomo non sia d’accordo con i traffici illegali della moglie, capisce che è l’unica soluzione per non fare la fame.
Gennaro all’arrivo di un brigadiere si finge addirittura morto per non essere arrestato, e anche se il carabiniere ha capito l’inganno, non lo arresta perchè ammira il suo coraggio.
Passano gli anni, Gennaro è via da casa da molti mesi; Amalia, intanto, ha fatto fortuna e si fa corteggiare da Settebellizze.
In un giorno di festa Gennaro rientra a casa ma nessuno lo ascolta, va allora dalla sua bambina e scopre che è molto ammalata. La piccola rischia di morire se non prenderà una medicina che sembra essere introvabile. Il farmaco lo porterà un uomo che Amalia aveva a suo tempo ingannato, senza volere nulla in cambio.
La donna capisce i suoi errori e il marito la conforta dicendo: “Adda passa’ ‘a nuttata”.

Ricordiamo che la bella Napoli è raggiungibile da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.

Napoli: Gomorra, di Matteo Garrone

gomorraGomorra è un film drammatico tratto dal best-seller omonimo di Roberto Saviano.

Il film, diretto da Matteo Garrone, è uscito in Italia il 16 maggio 2008 riscuotendo un grande successo di pubblico e di critica.

Gomorra racconta 4 storie che hanno un filo che le accomuna: la camorra.
Nel primo racconto c’è Pasquale (Salvatore Cantalupo), un bravissimo sarto sfruttato dal datore di lavoro e ricattato dagli strozzini; la seconda storia ha come protagonista Totò (Salvatore Abbruzzese), un ragazzino di tredici anni che vive a Scampia e scambia l’adolescenza con una pistola.
Il terzo racconto vede Franco (Toni Servillo), un imprenditore che fa smaltire i rifiuti nelle discariche abusive della Campania e cosparge di veleni le campagne del napoletano e del casertano.
Nella quarta e ultima storia ci sono Marco e Ciro (Marco Macor e Ciro Petrone), due giovani criminali attratti dal mito di Scarface.

I dialoghi del film sono per la gran parte in dialetto sottotitolato; la maggior parte delle riprese sono girate in luoghi fatiscenti e gli arredamenti degli interni sono tipici del sottoproletariato napoletano.

Ricordiamo a lettori e turisti che Napoli è raggiungibile partendo da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.

Eolie: Stromboli terra di Dio di Roberto Rossellini

Un classico del neorealismo italiano è il film Stromboli terra di Dio, diretto da Roberto Rossellini, girato e ambientato alle isole Eolie.

Il film drammatico, girato in bianco e nero, ha come protagonista la bellissima Ingrid Bergam e molti attori e comparse sono i veri abitanti dell’isola di Stromboli.

Stromboli terra di Dio racconta di Karin, una donna lituana confinata in un campo profughi, durante la seconda guerra mondiale.
Karin decide di ottenere la cittadinanza italiana sposando una guardia del campo e lo segue nella sua terra natia: l’Isola di Stromboli.
La donna inizia da subito a soffrire per le enormi differenze culturali degli isolani e per la gelosia del violento marito e, appena scopre di essere incinta, decide di scappare dall’inospitale terra.
Karin fugge, con l’aiuto del guardiano del faro, tentando di oltrepassare invano la vetta del vulcano, che già una volta aveva messo a rischio la sua vita a causa delle violente eruzioni, e invoca Dio di salvare lei e il suo bambino.

I luoghi del film Stromboli terra di Dio, sono raggiungibili imbarcandosi al porto di Napoli sugli aliscafi Eolie Snav.

Croazia: Harrison’s flowers, film di Élie Chouraqui

Andie MacDowellHarrison’s Flower è un film del 2000, tratto dal romanzo di Isabel Ellsen e diretto da Élie Chouraqui.

Anche se le riprese si sono svolte in Repubblica Ceca e a Manhattan, il film è ambientato nella ex Jugoslavia e nella città di Vukovar, situata a est della Croazia.

La vicenda ha come protagonista Andie MacDowell nel ruolo di Sarah, una donna newyorkese che riceve una triste notizia: suo marito Harrison, un famoso fotografo vincitore del premio Pulitzer, che si era recato in Jugoslavia per un reportage sulla guerra dei Balcani, ha perso la vita nel crollo di un edificio.
Una strana telefonata e la convinzione di aver visto Harrison in un’immagine televisiva portano Sarah a partire per la Croazia, verso la città di Vukovar.
Tra rischi e pericoli Sarah raggiunge la terra croata e aiutata da Kyle (Adrien Brody), un collega del marito, riesce ad arrivare nell’ospedale della città sperando che la sua sensazione sia veritiera…

Ricordiamo ai turisti che la Croazia è raggiungibile imbarcandosi da Ancona o Pescara sulle navi per Spalato e Stari Grad (Hvar) Snav.

Croazia: Season of the Witch – L’ultimo dei Templari

locandina film season of the witchIl 15 Giugno uscirà al cinema il film Season of the Witch (L’Ultimo dei Templari), thriller diretto da Dominic Sena con protagonista Nicholas Cage, girato in parte in Istria (Croazia).

Il film, ambientato in Europa nel 14° secolo, racconta la storia di un eroico cavaliere che tornando a casa insieme al suo amico più fidato, dopo anni trascorsi tra combattimenti e lotte, ritrova il suo paese devastato dalla peste.
Gli anziani della Chiesa, convinti che una giovane strega sia la responsabile di questa pestilenza, danno il compito ai due cavalieri di scortare la ragazza in un monastero dove sarà esorcizzata e processata, al fine di liberare la regione dal suo incantesimo.
I due cavalieri intraprenderanno un viaggio ricco di azione e di forze oscure contro le quali dovranno combattere per cambiare le sorti del mondo.
Atmosfere gotiche e location mozzafiato, tra cui i paesi Pula e Rt Kamenjak situati in Istria, faranno da cornice a questo incredibile film fantasy.

I turisti desiderosi di visitare le due location croate del film Season of the Witch (L’Ultimo dei Templari) possono imbarcarsi ad Ancona o a Pescara sulle navi per Spalato Snav.

Eolie: “S.P.Q.R. 2000 e 1/2 anni fa” di Carlo Vanzina

spqr è un film di carlo vanzinaLe isole Eolie hanno fatto da cornice al film comico S.P.Q.R. 2000 e ½ anni fa, girato nel 1994 e diretto da Carlo Vanzina.

Trasposizione comica della storia dell’antica Roma e delle vicende di Tangentopoli, il film ha avuto una critica totalmente positiva da ideare anche una serie televisiva composta da 12 episodi intitolata S.P.Q.R.

Protagonisti del film Massimo Boldi nei panni del magistrato Antonio Servilio, Christian De Sica, il corrotto senatore Cesare Atticus, Leslie Nielsen, il senatore Lucio Cinico e Anna Falchi nel ruolo della prostituta Poppea.

Le vicende divertenti e bizzarre dei protagonisti (in rigoroso costume d’epoca) ruotano attorno alla Roma imperiale, tra tradimenti, processi, partite di calcio e false alleanze.

Nel film sono molti i riferimenti all’attualità e alla satira politica: la squadra di calcio Mediolanum ha i colori del Milan, il capo ultras si chiama Silvio, l’arbitro assomiglia moltissimo a Pierluigi Collina e lo stilista più famoso si chiama Versacius.

Ricordiamo ai turisti che le immagini delle splendide location del film S.P.Q.R. 2000 e ½ anni fa possono essere raggiunte partendo dal porto di Napoli con gli aliscafi Eolie Snav.

Napoli: “Operazione San Gennaro” di Dino Risi

operazione san gennaro film di dino risiOperazione San Gennaro è una commedia italiana del 1966, diretta da Dino Risi e girata in gran parte nella splendida Napoli.

Protagonisti del film sono Jack, Maggie e Frank, tre ladri americani che sbarcano a Napoli per mettere a segno un grosso colpo.
I tre chiedono aiuto a Don Vincenzo (Totò), ma essendo in galera consiglia ai ladri di rivolgersi a Armandino Girasole, detto Dudù (Nino Manfredi).
Jack vuole rubare il leggendario tesoro di San Gennaro, ma la cosa è talmente sacrilega che decide con gli altri di chiedere il “permesso” al Santo. Dudù e la sua banda colgono dei “segni divini” come assensi e quindi mettono in atto il furto, approfittando della città semideserta in occasione del Festival di Napoli.
Ma Dudù viene tradito dai suoi complici che fuggono con il bottino; Maggie a sua volta tradisce Jack e si reca all’aeroporto di Capodichino per scappare con il tesoro.
Dudù, resosi conto dell’inganno, corre all’aeroporto e recupera il bottino, ma lo aspetta al varco l’infuriata mamma Assunta che lo costringe a riportare il tesoro al Santo e alla sua città.

Infine precisiamo che Napoli è raggiungibile da tutte le destinazioni servite dai traghetti e dagli aliscafi Snav.