Palermo e Halloween

Palermo e Halloween

A Palermo sono presenti alcune usanze abbastanza distanti da quella che è oggi la festa di Halloween. Per i bambini siciliani, infatti, i giorni di Ognissanti e il 2 novembre sono veri e propri giorni di festa dove si ricevono piccoli doni e si ha l’occasione di gustare tantissimi dolci, biscotti e frutta di stagione.

Tradizionalmente i regali distribuiti in questa occasione venivano acquistati presso i mercatini rionali. Storico è il mercato che si teneva dietro Piazza Olivella, nel centro storico di Palermo. La “Fiera dei Morti” sopravvive ancora oggi, come simbolo di continuità tra presente e passato.

Secondo la consuetudine i doni e i dolciumi che i bambini trovano durante la giornata del 2 novembre sono stati lasciati dai defunti della famiglia, che nella notte di Ognissanti si recano a far visita ai propri cari in vita. Sempre secondo la tradizione i bambini vengono svegliati la mattina presto, sul sorgere del sole e invitati a cercare i doni nascosti, dopo però aver recitato alcuni versi:

“Armi santi, armi santi

io sugnu unu e vuatri tanti

Mentri sugnu ‘ni stu munnu di guai

cosi ri morti mittiminni assai”.

Questi sono rituali antichi, che in parte si sono persi, al contrario il senso della festa è ancora vivo nella mente e nel cuore di molti siciliani. In questo periodo si tengono ancora i consueti mercatini, dove non solo si possono acquistare giocattoli, ma anche le specialità gastronomiche di questo periodo.

Un’altra consuetudine legata a questa ricorrenza è quella di preparare un cestino, chiamato in dialetto “cannistru”, che sarà riempito di frutta e dolci. Il cesto viene preparato in onore dei morti, ma naturalmente viene consumato dai vivi. Le leccornie contenenti in questo cesto sono davvero tante, tra le specialità tipiche che vengono inserite ci sono i biscotti chiamati crozzi ‘i mottu, ossia ossa di morto, o i pupatelli ripieni di mandorle tostate.

Inoltre, nel cestino possiamo trovare i taralli, ciambelle rivestite di glassa zuccherata, oppure i nucatoli e i totò bianchi e marroni, chiamati così perché i primi sono velati di zucchero e  i secondi di polvere di cacao. Altre specialità sono rappresentati dagli ‘nzuddi o zulle  realizzate con le mandorle e disponibili più secchi o ricoperte al miele, la frutta secca, la frutta di martorana, la cioccolata e  le rame di Napoli. Questi ultimi sono biscotti ricoperti di cioccolato fondente o bianco realizzati in due versioni: semplici o ripieni con la marmellata di albicocche o crema di cioccolato. Nel cesto possono essere presenti anche i Pupi ri zuccaru, tradizionali statuette di zucchero, che ritraggono figure di paladini.

Rispetto all’odierna festa di Halloween che porta con sé altri significati, nella tradizione siciliana e palermitana i morti rappresentano presenze benefiche, non mostri inquietanti di cui bisogna placarne i voleri.

Per scoprire questa e altre usanze tipiche della città di Palermo, prenota con SNAV il tuo traghetto per la Sicilia. Potrai scegliere tra le tratte Napoli- Palermo, Civitavecchia-Palermo e Genova-Palermo e raggiungere l’isola dopo una piacevole traversata. Prenota subito il tuo biglietto con SNAV.

Ischia: le case di pietra

Nel bosco della Falanga, che si estende sotto la parete occidentale del monte Epomeo, sono presenti delle costruzioni realizzate dall’ingegno e dall’industriosità dei contadini ischitani; stiamo parlando delle Case di Pietra. Queste dimore rupestri sono scavate nel tufo e presentano al loro interno pochi e spartani particolari. Talvolta le case dispongono di un’unica apertura e sono senza finestre, mentre altre presentano elementi più complessi.

Ma a cosa servivano queste costruzioni? In alcune circostanze le case di pietra venivano utilizzate per la conservazione del vino. Il tufo, infatti, consentiva di conservare a una temperatura perfetta le botti di vino sia in estate che in inverno. Inoltre, nelle adiacenze delle case erano presenti dei fossi, dove avveniva l’allevamento dei conigli.

Le Case di Pietra, quindi potevano rispondere a diversi scopi, sia per la conservazione dei prodotti e sia come riparo per i contadini e gli allevatori, che passavano sul monte diverso tempo. Queste costruzioni sono risalenti al XIV-XV secolo e il loro utilizzo è stato continuo per circa 500 anni.

All’interno delle abitazioni rupestri  si potevano trovare focolari, piani di appoggio, nicchie e camini, il tutto per rendere minimamente confortevole la vita nel bosco. Ogni particolare è il risultato di un lavoro intenso fatto giorno per giorno. Le case di pietra erano dotate anche di cisterne per la raccolta dell’acqua piovana, che veniva convogliata al loro interno tramite un sistema di canalizzazione che sfruttava la pendenza del monte.

Un sistema di canaletti presenti sulle finestre, invece, servivano per non far penetrare l’acqua all’interno. Inoltre, in alcuni casi questi canali hanno il compito di riempire delle vasche abbastanza ampie utilizzate come abbeveratoio per il bestiame.

Ad oggi la maggior parte di queste case risulta abbandonata, mentre i cellai adiacenti alle strade sono stati riconvertiti per essere usati come deposito, garage, stalla e così via. Segnaliamo anche l’esistenza di costruzioni rupestri di carattere religioso come la chiesa di S. Maria al Monte e l’Eremo di San Nicola. La prima sorge ai piedi del bosco della Falanga, mentre il secondo edificio si trova proprio sulla cima dell’Epomeo.

La Falanga non è l’unico luogo dove si possono ammirare le case di pietra, ma ci sono altre costruzioni presenti in altre zone dell’isola, come a Montecorvo e al Ciglio. Nel corso del tempo le case di pietra sono state oggetto di studi approfonditi tanto che molti studiosi hanno dedicato loro capitoli nei propri libri e articoli, come per esempio Elementi del paesaggio: le case rupestri articolo di Anna Pilato tratto da La Rassegna di Ischia, oppure il libro scritto dall’antiquario e scrittore Giuseppe Orioli, “Giro indipendente dell’isola d’Ischia”, Imagaenaria editore 2004, tutto questo a significare il grande interesse culturale, ma anche simbolico che queste costruzioni hanno per gli ischitani e non solo.

Per scoprire i misteri e ammirare l’essenziale bellezza delle case di pietra, viaggia con SNAV. Prenota il tuo biglietto Napoli-Ischia e goditi il tuo soggiorno sull’Isola Verde.

Le spiagge di Durazzo

Tra le mete che si stanno affermando tra le preferenze dei turisti c’è la città di Durazzo in Albania. Il turismo in quest’area è in particolare espansione, grazie alla presenza di una zona costiera molto lunga e prevalentemente priva di stabilimenti balneari.

Per chi è alla ricerca di una meta low cost Durazzo rappresenta un vero e proprio punto di riferimento. Sulle spiagge sabbiose della costa ci si può stendere al sole senza dover per forza affittare sedie, lettini o ombrelloni, ma ci si può gestire in piena autonomia. Tuttavia, chi desidera concedersi qualche comodità in più, non dovrà affrontare costi particolarmente onerosi.

Durazzo è il luogo ideale dove rilassarsi al mare, se si amano le spiagge bianche e incontaminate e un mare cristallino, dovepoter trascorrere le vacanze con la famiglia, oppure se si desidera fare immersioni. In tal proposito possiamo dire che le spiagge più belle di Durazzo sono quelle di Bardhori e di Gjenerali. Queste due spiagge sono annoverate tra le più belle dell’Adriatico.

Bardhori è una spiaggia di tipo rocciosa, caratterizzata da un panorama unico nel suo genere. La spiaggia Gjnerali è circondata da una ricca vegetazione che fornisce ombra ai bagnanti che trascorrono in questo luogo la propria giornata al mare. La pineta circostante offre riparo ai turisti che desiderano regalarsi un pic nic nel verde.

Se, invece, si stanno cercando delle spiagge vicine al centro abitato, allora si possono scegliere la spiaggia di Golem e di Mali Robit. Anche queste ultime spiagge sono immerse in una rigogliosa pineta. Inoltre, la baia di Durazzo sorge in una posizione privilegiata, protetta da i venti, quindi per questo motivo rappresenta una meta particolarmente apprezzata da chi ama il turismo balneare e le località non particolarmente ventose. Infine, per chi ama scoprire sempre posti nuovi, il litorale di Durazzo si contraddistingue anche per la presenza di piccole spiagge e calette la cui bellezza è assolutamente unica.

Per raggiungere la città di Durazzo e vivere un’indimenticabile vacanza low cost, potrai scegliere di viaggiare sulla tratta servita dai traghetti Bari- Durazzo. Sul sito SNAV avrai la possibilità di prenotare il tuo titolo di viaggio servendoti del comodissimo booking online, che ti consentirà di costruire il tuo viaggio in base alle tue necessità. Visita la città di Durazzo e scopri anche tu gli angoli più belli della costa albanese.

Bontà di Spalato: i paprenjaci

Con l’avvicinarsi della stagione fredda non c’è niente di meglio che gustare una qualsiasi bevanda calda accompagnata da biscotti golosi e profumati. Oggi scopriamo quali sono gli ingredienti per realizzare i biscotti Paprenjaci, una dolce specialità speziata proveniente proprio dalla Croazia.

La ricetta dei Paprenjaci è molto antica e risale, probabilmente al periodo rinascimentale. Per creare questi biscotti occorrono frutta secca, miele e un mix di spezie che creano una vera e propria esplosione di sapore e sono tra gli ingredienti più utilizzati per la preparazione dei dolci in Croazia.

Per realizzare i Papenjaci servono i seguenti ingredienti:

500 grammi di farina

120 gr burro fatto a pezzettini

80 grammi di zucchero

2 rossi d’uovo

Succo di mezzo limone

200 grammi di noci macinate

300 grammi di miele

1 cucchiaino di pepe bianco macinato

1 cucchiaino di pepe nero macinato

2 cucchiaini di zenzero in polvere

un po’ di chiodi garofano macinati

un po’ di cannella macinata

 

Prima di cominciare selezionate accuratamente gli ingredienti. In particolare, per il miele, bisogna scegliere un tipo dal gusto deciso, così da rendere questi biscotti ancora più saporiti. Il procedimento comincia con la cottura in una pentola del miele con il burro e lo zucchero. Una volta portati a ebollizione gli ingredienti, spegnere e far raffreddare. In una terrina unire la farina alle noci tritate. Poi unire le spezie. Aggiungere il limone ai rossi d’uovo e mescolare. Incorporare il composto di uovo e limone nelle farine e poi aggiungere il miele raffreddato.

A questo punto lavorare l’impasto. Lasciar riposare almeno 2 ore. Stendere l’impasto con il mattarello in una sfoglia sottile. In Croazia si usa un particolare stampo concavo in legno che crea sulla superficie del biscotto un’immagine a rilievo. Ovviamente se non disponete di tale attrezzo è possibile utilizzare i comuni tagliabiscotti delle forme che si preferiscono. Dopo aver ottenuto tutte le forme, infornare a 180° per circa 20 minuti. Tuttavia controllare la doratura del biscotto. Si consiglia di non consumare subito i  Paprenjaci, ma di riporli in una scatola apposita per qualche giorno al fine di fargli acquisire maggior gusto e morbidezza. I biscotti si conservano per circa sei settimane, se riposti in una scatola per biscotti.

Per gustare queste e altre specialità croate, viaggia con SNAV! Collegandoti al sito potrai prenotare i tuoi biglietti per la Croazia e navigare sulla rotta Ancona-Spalato, servita dai nostri esclusivi Cruise Ferry. Prenota subito il tuo viaggio con SNAV!

SNAV al TTG Incontri 2016

Dal 13 al 15 ottobre 2016 si terrà la 53esima edizione del TTG Incontri. La manifestazione rappresenta il principale marketplace del turismo b2b in Italia. L’evento costituisce uno dei luoghi più importanti in cui presentare la propria offerta commerciale agli addetti del settore. Il TTG Incontri infatti, per sua stessa vocazione, è una manifestazione nella quale si possono costruire interessanti sinergie con player nazionali e internazionali che operano nel settore turistico.

In questo contesto non poteva mancare SNAV, che con largo anticipo ha già aperto le vendite per l’estate 2017,  confermando i collegamenti con alcune delle mete più apprezzate del Mediterraneo. Tra queste annoveriamo la Croazia, che sarà raggiungibile con partenze giornaliere tramite i collegamenti Ancona-Spalato e viceversa. La tratta sarà attiva dal 5 aprile 2015 al 29 settembre 2017 e sarà percorsa dai Cruise Ferry SNAV. In più, durante i mesi di luglio e agosto sarà attivo anche lo scalo presso l’isola di Hvar, con arrivo al porto di Starigrad.

Per quanto riguarda le mete italiane, oltre ai collegamenti con le isole del Golfo di Napoli, Ischia, Procida e Capri, per le quali la compagnia di navigazione effettua partenze giornaliere durante tutto l’anno, sono riconfermati i collegamenti veloci con le isole Eolie e le Pontine. In particolare, si potranno raggiungere le isole di Stromboli, Panarea, Salina, Vulcano e Lipari grazie agli aliscafi con partenze da Napoli, a partire dal 27 maggio 2017 fino al 10 settembre 2017. Le isole di Ponza e Ventotene, invece, saranno raggiungibili dal porto di Napoli o da Ischia Casamicciola dal 7 luglio 2017 fino al 10 settembre 2017.

Tutte le tratte SNAV sono servite da unità di navigazione che si contraddistinguono per l’affidabilità e per l’elevata professionalità ed efficienza del personale. Lo stand SNAV/MSC Crociere sarà presente presso il padiglione 5, stands 81-88. Tutti gli interessati potranno ricevere informazioni più approfondite sulle tratte, i servizi di bordo e le offerte messe a disposizione da SNAV.

Grande novità per l’anno 2017 è il check-in online per rendere l’accesso in nave ancor più rapido e agevole possibile. Inoltre, i viaggiatori avranno la possibilità di scegliere il proprio posto e sistemazione a bordo.

TTG Incontri si dimostra un’opportunità preziosa per far conoscere ulteriormente l’offerta turistica di SNAV agli addetti al settore e continuare nella mission di diffondere la passione per il viaggio.

Prenotazioni Estate 2017

SNAV annuncia l’apertura delle prenotazioni per la Croazia, le isole Eolie e le isole Pontine

Napoli, ottobre 2016 – A partire da lunedì 10 ottobre SNAV riapre con grande anticipo, le vendite dei biglietti per l’anno 2017

“La necessità di riaprire nell’immediato  le prenotazioni per la Croazia, Isole Eolie e Isole Pontine  è dettata dalla grande richiesta che abbiamo ricevuto da operatori del settore, che per l’anno 2017, proporranno le destinazioni da noi collegate e le tante novità in programma per il prossimo anno”.

È quanto dichiarato da SNAV, che conferma il ritorno prepotente del mare Italia oltre a ricordare che la “Croazia Piena di Vita“, come recita il video promozionale dell’Ente Croato per il Turismo in Italia, è una meta completa con mare, montagna, laghi, cicloturismo, le tante offerte enogastronomiche e tanto altro ancora.

Le prenotazioni potranno essere effettuate attraverso il sito web www.snav.it, il call center, attivo tutti i giorni dalle ore 8 alle ore 21, chiamando il numero 081.42.85.555 o le agenzie di viaggi. Oltre alle tratte stagionali, Snav garantisce anche partenze giornaliere per tutto l’anno nel Golfo di Napoli, con collegamenti da e per Capri, Ischia, Procida e Sorrento.

L’offerta commerciale, dunque, si conferma ampia e conveniente.  A bordo delle navi SNAV, sarà possibile raggiungere la Croazia da Ancona, mentre le isole Eolie, Ponza e Ventotene dal porto di Napoli Mergellina.

In particolare, i collegamenti con la Croazia sono effettuati dal Cruise Ferry SNAV, nave ricca di comfort e servizi che parte da Ancona per approdare nella bella città di Spalato e, nei mesi di Luglio e Agosto, farà scalo anche nella bellissima Isola di Hvar. La tratta sarà attiva dal 5 aprile fino al 7 ottobre 2017 e non mancheranno numerose offerte pensate per chi viaggia con la famiglia, con biglietti a partire da € 110,00, (ogni due adulti un bimbo viaggia gratis) oppure per chi viaggia con la propria auto o moto. Questi ultimi, acquistando un biglietto A/R, a partire da € 150,00, avranno come vantaggio il ritorno del veicolo gratis.

In fase di prenotazione è possibile costruire il proprio viaggio su misura scegliendo sistemazioni in poltrona o in cabina, tutte dotate di servizi, associando su richiesta i numerosi servizi di bordo presenti, quali pacchetti pasto al Self Service oppure al Ristorante, sempre inclusi di prima colazione . Inoltre, sulle navi per la Croazia è possibile imbarcare auto, moto e camper, per poter vivere la vacanza in piena libertà.

Le partenze per le Isole Eolie saranno attive dal 27 maggio fino al 9 settembre 2017. Il costo del biglietto parte da € 45,00, tutto incluso.  Il percorso effettuato dai Fast Ferry SNAV prevede la partenza dal porto di Napoli Mergellina in direzione delle isole di Stromboli, Panarea, Salina, Vulcano e Lipari. Tra le novità del 2017 si annunciano, nei mesi di Luglio ed Agosto, partenze supplementari mattutine effettuate  da Napoli e pomeridiane dalle isole, nei giorni di venerdì sabato e domenica. Inoltre anche per il 2017 sarà attivo il collegamento in Bus da Roma a Napoli e viceversa.

Inoltre dal 1 luglio al 10 settembre 2017, sono confermati i collegamenti da Napoli Mergellina o Ischia Casamicciola verso le isole di Ponza e Ventotene. Il costo del biglietto a persona, parte da € 20,00 a tratta, mentre per chi decide di trascorrere un’intera giornata in una delle due bellissime Isole, il costo del biglietto A/R parte da € 49,00 a persona.

L’ampia offerta commerciale è supportata anche da importanti partnership strette da SNAV con importanti aziende, tra cui Trenitalia, Eurail, Telepass Premium, Club del Pleain Air, Federazione Italiana Campeggiatori, Musement, ASI, Touring Club Italiano, BMW Federclub Motorrad e tante altre,  al fine di offrire ai propri passeggeri tariffe e servizi agevolati.

Grande novità per l’anno 2017 è il check-in online per rendere l’accesso in nave ancor più rapido e agevole possibile. Inoltre, i viaggiatori avranno la possibilità di scegliere il proprio posto e sistemazione a bordo.

Altra novità sarà il SNAV Bike Friendly accordo con organizzazioni ciclistiche e riconoscimento di sconti su tutte le tratte e Bici Free per i Cicloturisti!

Per ulteriori informazioni, è possibile:


SNAV 4 School

La Regione Campania ha istituito l’abbonamento gratuito per gli studenti. L’iniziativa rappresenta un’occasione importante per consentire alle famiglie di risparmiare sui costi dei trasporti che spesso si devono sostenere per consentire ai propri figli di arrivare a scuola o all’università.

Anche SNAV aderisce all’iniziativa con “SNAV 4 School”. In particolare, sosteniamo tutti i giovani che dalle isole del Golfo hanno la necessità di raggiungere la terraferma per motivi di studio: pertanto, a partire dal 1° ottobre 2016, saranno attive le nuove tessere Abbonamento Studenti in collaborazione con la Regione Campania.

Richiedere l’Abbonamento Studenti è semplice. Vediamo quali sono i requisiti, i  passaggi principali per l’attivazione della tessera e le condizioni di utilizzo.

Gli studenti possono presentare domanda se in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza in Campania;

  • età compresa tra gli 11 e i 26 anni compiuti;

  • iscrizione a scuola secondaria di primo e secondo grado (medie e superiori), università, master universitari o corsi di specializzazione universitaria post laurea;

  • distanza casa-scuola superiore a 1,0 km;

  • possesso della certificazione ISEE non superiore a € 35.000.

Come richiedere l’Abbonamento Studenti:

L’Abbonamento Studenti dovrà essere richiesto direttamente sul sito Unico Campania, consultabile all’indirizzo web  www.unicocampania.it , nella sezione dedicata.

Dove ritirare la tessera per l’Abbonamento Studenti:

La tessera per tutti gli studenti abbonati verrà rilasciata presso gli uffici SNAV.

Condizioni di Utilizzo

L’Abbonamento Studenti è disponibile in due tipologie:

  • Tipologia Junior: indirizzato agli studenti di scuola superiore e ha validità fino al 30/06/2017

  • Tipologia Senior: indirizzato agli studenti universitari e ha validità fino al 31/07/2017

L’Abbonamento Studenti può essere utilizzato per una sola volta A/R al giorno e non è valido la domenica e in occasione delle festività nazionali.

Con l’adesione al progetto della Regione Campania, SNAV desidera venire incontro ai propri clienti offrendo la possibilità di risparmiare considerevolmente sui costi dei trasporti che molte famiglie e giovani devono sostenere per raggiungere la propria meta.

Ammortizzando i costi del trasporto si consentirà agli studenti pendolari di poter raggiungere scuola o università in maniera più semplice e soprattutto meno onerosa. Investire nelle potenzialità delle nuove generazioni significa anche dare loro la possibilità di scegliere di effettuare la propria formazione dove si preferisce, senza che il mare rappresenti un’ulteriore barriera, soprattutto per le popolazioni isolane.