Napoli: Virgilio e le sue leggende dedicate alla città partenopea

Il popolo napoletano è molto credente e superstizioso; santini, corni portafortuna e amuleti si trovano in tutte le case degli abitanti della città partenopea.

Il Santo a cui oggi i napoletani rivolgono principalmente le loro preghiere è San Gennaro; non tutti sanno però che, un tempo, il protettore dei napoletani era il poeta Publio Virgilio Marone.

Virgilio nel medioevo era considerato una sorta di mago protettore che faceva incantesimi per liberare Napoli dalle sventure, come pestilenze, terremoti e invasioni di insetti ed era molto amato dal popolo partenopeo.

Su Virgilio e Napoli circola una curiosa leggenda che interessa il Castel dell’Ovo che sorge sull’isolotto di Megaride.

La leggenda narra che Virgilio, che ha la propria sepoltura a Napoli, nascose in questo castello un uovo chiuso in una gabbietta che fece murare in una nicchia delle fondamenta.
La rottura di questo uovo, predisse Virgilio, avrebbe provocato disgrazie: non solo avrebbe causato il crollo dell’edificio, ma anche una serie di sventure per la città di Napoli.

Ricordiamo ai turisti che Napoli è raggiungibile da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.