Riserva Naturale Orientata Bosco della Ficuzza

Riserva Naturale Orientata Bosco della Ficuzza

La Riserva Naturale Orientata Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere e Gorgo del Drago, area protetta istituita nel 2000 dalla Regione Siciliana, è uno splendido mosaico di vegetazione.

Il territorio è ricco di boschi (lecceto, sughereto, cerreto, cespuglieti, arbusteti), aree umide e rupestri, praterie e tante altre diversità ambientali che ospitano anche moltissime specie viventi.

La riserva, che si estende per circa 7.398 ha ricadenti in alcuni comuni della provincia di Palermo, è inoltre importante dal punto di vista fioristico, sono infatti presenti meravigliosi endemismi tra i quali la bocca di leone siciliana, la rara viola del tineo e il fiordaliso della Busambra.

Gli animali che abitano questa splendida oasi naturale sono volpi, gatti selvatici e donnole. Tra i volatili citiamo l’aquila reale, il falco pellegrino, il gufo reale e il picchio rosso. All’interno della riserva è possibile visitare anche il Museo di Paleontologia.

I turisti che volessero visitare la Riserva Naturale Orientata Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere e Gorgo del Drago possono raggiungere la Sicilia imbarcandosi a Napoli sui traghetti per Palermo Snav.

Sicilia: la Riserva naturale orientata Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio

La Riserva naturale orientata Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio è un’area protetta della Sicilia e comprende sia territori della provincia di Agrigento (Bivona e Burgio) e sia quelli della provincia di Palermo (Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano).
Quest’oasi naturale possiede i boschi più belli dell’intera isola, caratterizzati da folte querce, lecci e maestosi alberi secolari.
I luoghi della riserva hanno un fascino estremamente suggestivo: ampi valloni, gole, strapiombi e rocce antichissime che riportano indietro nel tempo. Infatti, sono stati ritrovati i fossili più preziosi e antichi della Sicilia, sedimentatisi e stratificatisi sin dall’epoca del Permiano, primo periodo dopo l’era del Mesozoico.
La Riserva naturale siciliana è stata istituita nel 1997 e si estende su un’area complessiva di 5.862 ettari. E’ costituita da 40 sentieri nei quali è possibile ammirare ben 60 specie di uccelli e circa 50 specie botaniche, funghi e l’area attrezzata Menta, nel bosco di San Adriano.

I turisti che desiderassero visitare la Riserva naturale orientata Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio possono raggiungere la Sicilia imbarcandosi a Napoli sui traghetti per Palermo Snav.