Procida: paccheri con carciofi alla procidana

L’isola di Procida offre tanti prodotti della terra genuini e saporiti. Fra le primizie procidane ha sicuramente una grande importanza il carciofo: quello coltivato sull’isola è del tipo romanesco, di dimensioni più grandi rispetto ad altre varietà, di un verde chiaro e venature violacee.

Al carciofo Procida dedica una sagra annuale nel mese di aprile, che si svolge a marina Chiaiolella, area in cui la coltivazione è particolarmente diffusa negli antichi orti chiamati “parule”.

I paccheri con carciofi alla procidana sono un primo piatto facile da preparare e dal gusto deciso, da abbinare a un buon bicchiere di vino.

Pulite i carciofi e tagliateli a spicchi, lasciateli sbollentare per breve tempo senza lasciarli diventare troppo morbidi.

Scolate i carciofi, nel frattempo soffriggete aglio e peperoncino piccante in olio extra vergine di oliva, per poi aggiungere qualche filetto di acciuga, capperi e olive nere. Saltate i carciofi in padella e lasciateli rosolare a fiamma medio-alta.

Scolate i paccheri e uniteli ai carciofi saltati, unendo prezzemolo, pecorino grattugiato e granella di pane tostata.

Per conservare intatto il sapore dei carciofi locali tutto l’anno, comprateli freschi e conservateli alla maniera procidana: puliti e sbollentati in acqua, aceto di vino bianco e sale e inseriti in vasetti di vetro con olio extravergine di oliva, aglio, peperoncino e origano. In alternativa potrete acquistarli già in barattolo.