Napoli: il Maschio Angioino

maschio angioino napoliNapoli, il bel capoluogo partenopeo, può essere a ragione considerata un museo a cielo aperto per l’elevato numero di monumenti di notevole interesse storico e artistico.

Uno dei simboli della città partenopea è certamente il Castel nuovo, detto più comunemente Maschio Angioino. L’imponente castello sorge a pochi passi dal porto di Napoli, nel mezzo di Piazza Municipio, al lato dei giardini del Palazzo Reale, e a pochi passi dal porto di Napoli.

Fu il sovrano Carlo I d’Angio a scegliere questa posizione strategica, che preso possesso della città nel 1266, ordinò che fosse costruita una residenza alternativa a Castel Capuano.

In origine, il Maschio Angioino fu costruito tra il 1279 e il 1282 in base al progetto di architetti francesi che lo realizzarono in stile gotico con pianta quadrilatera irregolare, imponenti torri di difesa e fossato. Successivamente si provvide ad ampliare e abbellire la fortezza chiamando a Napoli artisti del calibro di Giotto e dei suoi allievi, che realizzarono gli affreschi della Cappella Palatina, ora in gran parte distrutti.

In seguito, sotto Alfonso d’Aragona, il Castello cambiò radicalmente il suo aspetto: fu ampliata e fortificata la struttura; furono abbassate le torri e se ne aggiunse una quinta, furono inspessite tutte le mura perimetrali e infine per celebrare il successo della dinastia aragonese, il re spagnolo fece adornare il portale d’accesso alla fortezza con un monumentale arco di marmo bianco, considerato uno delle opere più notevoli del Rinascimento italiano.

I turisti che desiderano visitare il Maschio Angioino e le altre bellezze artistiche di Napoli possono raggiungere il capoluogo partenopeo da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.

Comments

[…] La villa di Licinio Lucullo è un ritrovamento archeologico, avvenuto sulla collina di Pizzofalcone a Napoli. Il reperto era all’epoca la villa del patrizio Lucullo, un enorme dimora le cui strutture raggiungevano la zona del castello medievale Maschio Angioino. […]