Napoli: il Museo Madre

Nel cuore nascosto di Napoli, dove pulsa l’anima popolare della città, sorge il Museo Madre d’Arte Contemporanea Donna Regina.

Il Museo deve il proprio nome all’edificio che lo ospita, il Palazzo Donnaregina, che sorge vicino al Monastero di S. Maria Donnaregina, fondato dagli Svevi nel 13° secolo.

Il Museo inaugura i suoi spazi nel 2005, allestendo al primo piano le opere permanenti di Clemente, Lewitt, Long, Bianchi, Fabro, Koons, Paladino, Kounellis, Horn, Paolini e Serra; il percorso espositivo del secondo piano si dipana seguendo le vicende più significative dei linguaggi artistici dalle fine degli anni Cinquanta fino all’inizio dei Novanta.

La visita al Museo Madre è anche un’occasione per ridisegnare la vocazione turistica di un quartiere ricco di valori sociali da recuperare e di beni culturali da riscoprire.

Da visitare anche la chiesa trecentesca o “vecchia” di S. Maria Donnaregina, accessibile dal cortile della Caffetteria (cortile Banco dei Pegni) che immette sul vicolo omonimo. Questa chiesa è tra le maggiori testimonianze di epoca medievale a Napoli.

Ricordiamo ai turisti che Napoli è raggiungibile imbarcandosi da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.