L’isola di Zannone nel Parco Naturale del Circeo

Il Parco nazionale del Circeo è un’area naturale protetta che si estende lungo il tratto di litorale compreso tra Anzio e Terracina.

Ne fa parte la stupenda l’Isola di Zannone, una piccola isola entrata a far parte del Parco nel ’79; ricoperta da boschi di lecci e querce. Tra le Isole Pontine, è l’unica ad aver conservato intatta la propria copertura vegetale. Presenta motivi di interesse in ogni stagione e si possono ammirare migliaia di uccelli che vi sostano durante i periodi di passo, tra cui il falco di palude ed il falco pellegrino.  Sull’isola troviamo importanti endemismi tra cui lucertole, lepidotteri, ragni ed un mammifero, il muflone, introdotto intorno agli anni ’20.

I suoi paesaggi e i suoi fondali sono di una bellezza superlativa. Sulla scogliera troviamo l’elicriso che, man mano che si sale, viene sostituito dal lenisco, dal mirto all’erica. Nei boschi troviamo lecci, eriche e allori.

L’Isola di Zannone fu sede di un monastero cistercense di cui restano importanti ruderi, mentre ora è abitata solo nel periodo estivo dai due guardiani del faro.

Il parco è raggiungibile partendo alla volta delle Isole Pontine, viaggiando a bordo degli aliscafi Snav che collegano Napoli con Ponza e Ventotene.

Comments

[…] L’isola di Zannone, situata nell’arcipelago ponziano, era utilizzata fin dall’epoca preistorica,come luogo d’insediamento grazie alla vicinanza con le isole di Palmarola e di Ponza. […]