Napoli: la pittura di Aniello Falcone

aniello falcone fu uno dei massimi pittori del 600 napoletanoAniello Falcone è stato uno dei più noti esponenti della pittura napoletana del seicento.
La grande notorietà di Falcone è legata alla pittura di battaglie, un genere che ebbe molto successo nella Napoli del ‘600.
Tra le sue opere di più interesse ricordiamo La Maestra di scuola e l’Elemosina di Santa Lucia del Museo di Capodimonte.

La Battaglia del Louvre costituisce la più autentica espressione della pittura naturalistica del terzo decennio del ‘600 a Napoli, mentre Gladiatori e Soldati romani che entrano nel circo, fanno parte di un’importante committenza ordinata da Filippo IV di Spagna.

L’artista è stato inoltre l’artefice, a Napoli, di una numerosa serie di affreschi, nel 1652 Falcone affresca la volta della grande sacrestia della Chiesa del Gesù Nuovo, una delle più importanti chiese basilicali della città partenopea.

Nella sua bottega di Napoli, Aniello Falcone insegnava, ai giovani interessati, l’arte, i segreti e le tecniche della pittura; si formarono artisti del calibro di Micco Spadaro e Salvator Rosa.

Ai turisti che desiderano visitare Napoli, ricordiamo che è raggiungibile imbarcandosi da tutte le destinazioni servite dalle navi Snav.