America’s Cup World Series 2012, il mare fa bene a Napoli

america's cup world series napoliDopo mesi di attesa, investimenti e preparazione all’evento, è finalmente sbarcata per la prima volta a Napoli l’America’s Cup World Series 2012, il circuito mondiale di regate in cui i campioni assoluti della vela duellano per conquistare un angolo di mare alla finale di San Francisco, che si terrà nel 2013.

A Pasqua, in occasione della splendida cerimonia di apertura, Piazza del Plebiscito è diventata il cuore delle celebrazioni, fra installazioni che ricordano il mondo dell’acqua ed uno spettacolo a base di fuoco, l’augurio di buon vento da parte del sindaco De Magistris, l’ingresso del team ACWS ed il calore di oltre 15mila persone fra cittadini e turisti nonostante la forte pioggia di domenica sera.

Nella giornata di mercoledì Luigi Cesaro, presidente della Provincia, ha dato il via ufficiale alle regate: le istituzioni e i cittadini partenopei hanno percepito l’America’s Cup come una grande opportunità per abbandonare le immagini negative di Napoli e mostrare in tutto il mondo un luogo ricco di storia, di fascino e, soprattutto, di civiltà. E con una copertura mediatica internazionale tanto estesa quanto capillare, un incremento di transiti del 5% all’aeroporto di Capodichino e le opinioni positive sul web, il risultato è visibile.

A difendere il titolo e attualmente al secondo posto, il team Oracle Racing – Spithill, mentre ad oggi è l’Emirates Team New Zealand con Dean Barker a primeggiare. Buona posizione, invece, quella conquistata da Luna Rossa-Piranha, orgoglio italiano guidato dal timoniere Chris Draper, che dopo un timido inizio nella prima giornata di regata ha conquistato il terzo posto nelle gare di giovedì.

L’America’s Cup resterà a Napoli fino al 15 aprile, con regate entusiasmanti, un lungomare aperto solo ai pedoni e tutto da vivere, ed un Public Event Village in Villa Comunale ricco di eventi: una dimostrazione che dal mare possono nascere grandi cose.